Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 lug 2022

Ripartono gli artisti di Kiev: "Grazie Ravenna"

Dopo cento giorni e 50 concerti tornano in patria i profughi ospitati dalla missione umanitaria: "Un’amicizia che resterà indelebile"

22 lug 2022

Cento giorni e cinquanta concerti. Finisce oggi ed è stato un soggiorno non certo da profughi, ma da professionisti impegnati a raccogliere denaro da inviare a casa, quello degli artisti del teatro di Kiev, arrivati a Ravenna il 6 ottobre grazie alla missione umanitaria guidata da Maria Cristina Muti. Erano arrivati in sessanta con questo obiettivo, aiutare la patria usando le armi loro più congeniali: la musica, il ballo, il canto. L’arte. Alcuni sono già partiti. I ballerini sono in tournée in Giappone e domattina anche i 27 componenti del coro lasceranno la nostra città, dopo l’ultima esibizione di mercoledì sera al Museo Nazionale ai “concerti delle 7“ del Ravenna Festival. Sono passati più di tre mesi ma Bogdan Plish, direttore del Coro dell’Opera Nazionale d’Ucraina, ancora si commuove ricordando l’abbraccio con Cristina Muti alla stazione polacca di Przemysl, punto di incontro con la missione partita da Ravenna. Che ricordo ha di quel giorno? "I sentimenti erano contrastanti. Arrivando alla frontiera da Kiev avevamo attraversato tutta l’Ucraina. E piangevamo per questa ingiustizia, dovere lasciare la nostra patria perché i barbari vogliono distruggerla. Una volta a Ravenna, ogni immagine ci riportava là con la mente: la mamma con un bambino ti faceva pensare ai bambini che da noi stavano morendo sotto le bombe. Allo stesso tempo, il ritrovo con gli amici di Ravenna fu molto commovente. Quando abbracciai Cristina entrambi ci mettemmo a piangere. Mi tornò in mente una canzone che dice “proteggimi con la tua ala e dammi il tuo calore“. E mi chiedevo: com’è possibile che persone che non conosci ti diano tanto calore, mentre altre vogliono sterminarti? Mi sentivo anche un po’ in colpa: aiutano proprio me, pensavo, quando altri forse avrebbero più bisogno". Con quale spirito tornate a Kiev, sapendola ancora a rischio assedio? "Abbiamo capito che la paura non ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?