Sei persone all’ospedale a causa di due incidenti avvenuti nella prima serata di giovedì e ieri poco dopo le 13. Giovedì sera, poco prima delle 20, sulla provinciale Pilastrino, due fratelli assieme alla mamma 73enne stavano viaggiando a bordo di una Skoda Fabia da Bagnara verso la via Emilia. Poco prima dell’incrocio con Solarolo la persona alla guida ha perso il controllo del mezzo che si è infilato nel fosso a lato della strada. Scattato l’allarme,...

Sei persone all’ospedale a causa di due incidenti avvenuti nella prima serata di giovedì e ieri poco dopo le 13.

Giovedì sera, poco prima delle 20, sulla provinciale Pilastrino, due fratelli assieme alla mamma 73enne stavano viaggiando a bordo di una Skoda Fabia da Bagnara verso la via Emilia. Poco prima dell’incrocio con Solarolo la persona alla guida ha perso il controllo del mezzo che si è infilato nel fosso a lato della strada. Scattato l’allarme, sul posto sono arrivate tre ambulanze e l’auto con il medico a bordo. Con loro i vigili del fuoco, fatti intervenire per estrarre una persona rimasta incastrata. Al lavoro anche una pattuglia della sezione infortunistica della polizia locale della Romagna Faentina per i rilievi. La donna è rimasta ferita seriamente ed è stata portata al pronto soccorso di Faenza con un codice rosso di massima gravità; i figli sono stati accompagnati uno a Lugo e l’altro a Faenza, entrambi con ferite ritenute di media gravità.

Pauroso l’incidente avvenuto ieri verso le 13.20 nell’area di servizio Santerno, lungo l’autostrada A14, in direzione Bologna. A bordo di una vecchia Audi A3 si trovava una famiglia originaria di Mesagne (Brindisi), composta da un uomo di 70 anni, una donna di 65 e la figlia 30enne disabile. Sembra – secondo una prima ricostruzione – che all’origine dell’incidente ci sia stato un colpo di sonno. La famiglia pare fosse partita presto dalla Puglia e rientrava nella provincia di Milano. L’uomo, a un certo punto, ha imboccato la corsia per accedere all’area di servizio Santerno, l’Audi si è però schiantata contro il cordolo che delimita l’area verde che divide gli accessi di auto e mezzi pesanti. La berlina tedesca si è così capovolta finendo nell’erba. La scena e lo schianto è avvenuta sotto gli occhi terrorizzati di tanti che avevano deciso di fermarsi per fare una sosta.

Scattato l’allarme, sul posto sono state fatte arrivare tre ambulanze, due da Lugo e una da Faenza; con loro anche l’eliambulanza, atterrata nell’area dedicata ai tir. L’elicottero ha portato la madre al Bufalini. Per mettere in sicurezza il mezzo ed estrarre la 30enne sono intervenuti anche i vigili del fuoco. L’uomo al volante e la figlia sono stati portati a Imola con il codice giallo dei casi di media gravità. Sul posto la Stradale.

a.v.