Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 ago 2020

"Si faceva male da sé" Liberi i titolari del ’Sole’

Secondo la perizia medico legale i segni sull’anziana ospite della casa famiglia. di Camerlona non sono riconducibili a percosse, revocate le misure cautelari.

29 ago 2020
L’avvocato difensore Francesco Papiani
L’avvocato difensore Francesco Papiani
L’avvocato difensore Francesco Papiani
L’avvocato difensore Francesco Papiani
L’avvocato difensore Francesco Papiani
L’avvocato difensore Francesco Papiani

Quell’anziana paziente era stata trovata con il volto tumefatto e un rigonfiamento sulla testa. Ma portava anche segni evidenti sul collo ed ematomi sparsi per il corpo. Da ultimo, secondo le radiografie, era segnata da diverse fratture costali. Un quadro che aveva fatto ipotizzare che nella casa famiglia ‘Il Sole’ di Camerlona, su quell’ospite di quasi 105 anni ci fosse stato un accanimento anche con l’uso di corpi contundenti. La perizia del medico legale Emanuela Segreto incaricata dal tribunale, ha però riscritto la vicenda riconducendo tutte le lesioni a eventi accidentali, coma le necessità di spostare una persona molto anziana e praticamente immobile con conseguenti urti contro le sponde del letto. O alla naturale degenerazione fisica legata all’età. Ragioni per le quali, su istanza dell’avvocato difensore Francesco Papiani, il gip Sabrina Bosi, alla luce anche del parere favorevole espresso dal pm Antonio Vincenzo Bartolozzi e dato atto “che è venuto meno il quadro gravemente indiziario”, giovedì scorso ha revocato le misure cautelari che pendevano sui due titolari della struttura – si tratta del 58enne di origine torinese Marco Silvilotti e della moglie 48enne di origine nigeriana Uhunoma Sonia Omodia – i quali dopo l’arresto del 14 marzo scorso, avevano passato alcuni giorni in carcere per poi essere collocati ai domiciliari. L’anziana, originaria di Lugo, da circa un anno era ospite della struttura di Camerlona. I parenti che l’avevano vista per l’ultima volta una ventina di giorni prima, avevano riferito che stava bene e che era lucida tanto da giocare a carte. Mentre al loro arrivo in ospedale subito dopo il ricovero, l’avevano trovata in pessime condizioni. E secondo la relazione medica presentata in prima battuta dalla procura, le lesioni più datate risalivano proprio a quel periodo, mentre le più recenti erano state collocate 24-48 ore prima dell’intervento dei carabinieri. L’allarme era ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?