Cervia non rinuncia allo sport e, dopo lo slittamento, il grande giorno si avvicina. Venerdì 16 ottobre alle 11.40 i ciclisti del Giro d’Italia sfileranno dal viale Roma per salutare la città e avviarsi verso il km 0 fissato alla Chiesa Madonna del Pino davanti alla quale partirà ufficialmente la tappa Cervia-Monselice. Il programma è stato presentato lunedì sera ai Magazzini del Sale alla presenza del presidente APT servizi Davide Cassani, dell’assessore allo sport del comune di Cervia Michela Brunelli e del delegato al Giro d’Italia del comune di Cervia Giovanni Lucchi. In calendario anche alcuni eventi...

Cervia non rinuncia allo sport e, dopo lo slittamento, il grande giorno si avvicina. Venerdì 16 ottobre alle 11.40 i ciclisti del Giro d’Italia sfileranno dal viale Roma per salutare la città e avviarsi verso il km 0 fissato alla Chiesa Madonna del Pino davanti alla quale partirà ufficialmente la tappa Cervia-Monselice. Il programma è stato presentato lunedì sera ai Magazzini del Sale alla presenza del presidente APT servizi Davide Cassani, dell’assessore allo sport del comune di Cervia Michela Brunelli e del delegato al Giro d’Italia del comune di Cervia Giovanni Lucchi. In calendario anche alcuni eventi collaterali in programma nei giorni precedenti con un’ospite d’eccezione: la campionessa olimpionica di salto il lungo Fiona May.

Il presidente Davide Cassani ha dichiarato: "La più prestigiosa e internazionale competizione ciclistica italiana torna in Emilia Romagna per il secondo anno consecutivo. Il Giro d’Italia fa parte della nostra cultura e questo deve essere il ‘Giro della rinascita’ che attraverserà tutta l’Italia per un grande abbraccio virtuale. Come nel 1946, con l’Italia in ginocchio che ha ricominciato a sognare con Coppi e Bartali".

La competizione, giunta alla 103esima edizione, partirà il 3 ottobre e si concluderà il 25 dello stesso mese con tre tappe romagnole, a Rimini, Cesenatico e Cervia. Quella di Cervia, sarà una tappa lunga 190 km. Dopo quasi 160 km costantemente in pianura, per raggiungere la cittadina euganea si affrontano due impegnative salite dei Colli Euganei: il Passo Roverello, 4 km abbastanza pedalabili, e quindi il Muro di Calaone con 2 km che in diversi punti toccano il 20%. Segue un’ampia discesa su Este e un breve tratto pianeggiante fino all’arrivo. Per l’organizzazione e l’accoglienza di tutto il parterre di atleti, sponsor, giornalisti e addetti ai lavori sono state individuate alcune aree che saranno chiuse al traffico nelle ore precedenti la gara: piazza Garibaldi, piazza Andrea Costa, viale Roma, parcheggio XV aprile e una parte del parcheggio dell’Istituto alberghiero. "Una edizione dedicata alle donne" spiega l’assessore Michela Brunelli, che prosegue "come segno di coraggio e forza di cui le donne sono capaci. Le donne che fanno sport sono consapevoli della loro forza e possono essere di esempio per una società che si basi sul rispetto e la parità di genere". Prima del grande giorno sono in programma alcuni eventi collaterali: sabato 3 ottobre, alle 17 in piazza Garibaldi, ci sarà l’inaugurazione degli allestimenti dedicati al Giro d’Italia "La città si colora di rosa". Venerdì 9 ottobre, alle 17 presso la biblioteca comunale, è in programma un incontro dal titolo "Donna e sport. Due secoli di storia ed emancipazione femminile" con l’esperta di storia Maria Canella. Infine, mercoledì 14 ottobre alle 20.30 presso i Magazzini del sale si terrà "Donne e Sport: intervista a Fiona May" È la quarta volta che il Giro d’Italia passa da Cervia e per la 103esima edizione la città ha scelto come mascotte dell’evento il fenicottero rosa chiamato ‘Felicia’, simbolo della nostra salina e della salvaguardia ambientale.

Ilaria Bedeschi