Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 giu 2022

Mobbing omofobo alla dipendente Lidl, condannati i vertici: "Umiliata per anni sul lavoro"

Angherie, vessazioni e battute contro l’omosessualità di una dipendente: 3 mesi al caporeparto per averle cagionato una malattia professionale e multe ai dirigenti per non averlo impedito

21 giu 2022
lorenzo priviato
Cronaca
Da sinistra, Federica Chiarentini e Sara Silvestrini con l’avvocato Alfonso Gaudenzi
Da sinistra, Federica Chiarentini e Sara Silvestrini con l’avvocato Alfonso Gaudenzi
Da sinistra, Federica Chiarentini e Sara Silvestrini con l’avvocato Alfonso Gaudenzi
Da sinistra, Federica Chiarentini e Sara Silvestrini con l’avvocato Alfonso Gaudenzi

Ravenna, 21 giugno 2022 - Angherie, battute sulla sua omosessualità, massacranti turni di notte tra camionisti molesti, chiamate sul telefono privato e fuori dall’orario di lavoro, fino al licenziamento. La storia di Sara Silvestrini, 42enne ex magazziniera della Lidl di Massa Lombarda, aveva fatto il giro d’Italia ed era confluita in un processo a carico del caporeparto per lesioni, avendole cagionato una malattia professionale, e di tre vertici della catena di supermercati per non avere impedito l’evento. Ma in aula più volte l’accusa ha utilizzato il termine mobbing. Ieri Sara, parte civile con la tutela dell’avvocato Alfonso Gaudenzi, ha avuto la sua rivincita. Il giudice onorario, Tommaso Paone, ha condannato tutti e quattro gli imputati: a tre mesi il capo reparto, Emanuel Dante, e a 500 euro di multa i dirigenti Lidl Pietro Rocchi, Emiliano Brunetti e Claudio Amatori. E la Lidl Italia, in solido, come responsabile civile. Il giudice ha infatti riconosciuto 30mila euro di provvisionale alla lavoratrice e danni da stabilire in sede civile anche per la sua compagna, Federica Chiarentini, che a sua volta aveva subito le conseguenze di questa vicenda. I reati fra tre mesi saranno prescritti, l’onere risarcitorio resta. Le accuse principali ricadevano sul caporeparto il quale, a dispetto di un certificato medico che la dichiarava inabile a sollevare pesi e sebbene il contratto non prevedesse il notturno, la faceva lavorare soprattutto la notte e in una settimana Sara arrivò a fare 39 ore di straordinario oltre alle 38 ordinarie, in assenza di idonea certificazione medica per il rischio di stress lavorativo. Lo stesso si sarebbe reso protagonista anche di intrusioni nella vita privata della donna, con telefonate e messaggi in orari non consoni e fuori dal lavoro. E quando lei, esasperata da quello stalking sostanziale, aveva cambiato il numero, lui riuscì a recuperare quello ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?