Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 giu 2022

Ravenna: Vincenzo, 10 anni, ora si chiama Emma. E per festeggiare danza

L'adolescente ha creato una coreografia sulla propria storia con la scuola ‘La Soffitta delle arti’ . La mamma: "I figli vanno ascoltati, è giusto che vivano la loro vita, quella più congeniale al loro sentire"

22 giu 2022
roberta bezzi
Cronaca
featured image
Vincenzo ora si chiama Emma
featured image
Vincenzo ora si chiama Emma

Ravenna, 22 giugno 2022 - La danza può essere di grande aiuto per costruire la propria identità, perché è prima di tutto libertà di espressione, oltre che creatività e tecnica. Di certo è stata un valido supporto per la ravennate Emma, 10 anni, che ha trovato la forza e il coraggio di dire ‘no’ al nome, Vincenzo, e al genere, maschile, che le sono stati attribuiti alla nascita, facendo ‘coming out’ in famiglia, a scuola, in società. E come gesto simbolico di questa ri-nascita, sabato sera all’arena Gandhi del Villaggio del Fanciullo di Ravenna, si è esibita – insieme alle sorelle maggiori – in una coreografia ‘cucita’ addosso a lei da un’insegnante di danza di grande esperienza come Daniela Pezzi della ‘Soffitta delle arti’. Una coreografia che racconta proprio di questo suo percorso di varianza di genere, transgender, e delle numerose difficoltà di rivelarsi, di uscire da una ‘gabbia’, per librarsi finalmente in una nuova dimensione. "Sin da quando era bambina, Emma ha manifestato questo suo desiderio – racconta la madre Valentina Menga –. Aveva appena 3 anni e mezzo la prima volta che ce lo comunicò quasi fosse un gioco e, per noi, fu inevitabile temporeggiare. Nel frattempo gli anni sono passati e decisivi si sono rivelati i due anni di pandemia. Nell’ottobre scorso, mia figlia ha rotto gli indugi e ci ha detto chiaramente che voleva essere chiamata Emma… Le prime sostenitrici sono state proprio le sorelle, più aperte e predisposte mentalmente su questa tematica. Noi genitori ancora pensavano a una latente omosessualità, ma non era così: per nostra figlia la propria identità di genere non coincideva con il sesso assegnatole alla nascita". I primi tempi non sono stati facili: "Emma voleva cancellare tutto il suo passato, buttando via foto e vestiti – dice Menga –. Ci siamo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?