Si annuncia uno dei primi semestri più aridi del secolo (Scardovi)
Si annuncia uno dei primi semestri più aridi del secolo (Scardovi)

Ravenna e provincia, 22 giugno 2021. Complice la rimonta sulla nostra Penisola dell’anticiclone nordafricano, con correnti provenienti direttamente dal deserto del Sahara, da alcuni gironi anche la provincia di Ravenna sta registrando temperature massime decisamente superiori alla norma. Ieri la colonnina di mercurio ha raggiunto e in diversi casi superato i 35 gradi, con una 'punta' di 36 a Bagnacavallo. Ossia valori di 6-7 gradi superiori alle medie del periodo. Senza dimenticare che il concomitante, elevato, tasso di umidità, fa sì si le temperature percepite dal corpo umano abbiano toccato i 40 gradi. A Bagnacavallo la massima ha raggiunto, intorno alle 15.30, i 36 gradi.

Seguono Russi con 35.6°, Alfonsine e Voltana con 35.4°, Bizzuno con 35.3°, Faenza centro (Osservatorio ‘Torricelli) con 35.1°, Cotignola e Punta Marina con 34.8°, Sant’Agata sul Santerno con 34.7°, Lugo e Fosso Ghiaia con 34.5°, Lavezzola con 34.6°, Conselice con 34.3°, Castel Bolognese e Cervia con 33.7°. A Ravenna centro la colonnina di mercurio ha raggiunto i 33.6 gradi.

La località più ‘fredda’ della provincia di Ravenna è stata Monteromano di Brisighella, con soli 24.9 gradi. I modelli fisico-matematici non prospettano un termine a breve di questa ondata di caldo. Probabilmente assisteremo ad un calo termico nel fine settimana per l’arrivo di correnti da ovest: non a caso questo primo semestre dell’anno potrebbe archiviarsi con uno dei più aridi addirittura dell’ultimo secolo.