Chicchi di grandine come palline da ping pong quelli caduti nei giorni scorsi
Chicchi di grandine come palline da ping pong quelli caduti nei giorni scorsi

Ravenna, 5 agosto 2020 - Chi è in vacanza o chi sta per andarci non si faccia incupire dalla pioggia e dalla grandine di questi giorni: il bel tempo è dietro l’angolo. Le analisi di Pierluigi Randi, direttore di Meteoromagna, non lasciano dubbi. Certo che due grandinate in due giorni più i temporali molto violenti, non fanno stare molto tranquilli.
 

"Non c’è dubbio, gli eventi di quest’anno sono stati mediamente piuttosto severi, in particolare quello di lunedì. Ma ce ne sono stati un paio di violenti anche in luglio. La scorsa estate il tempo fu più stabile, anche se il fenomeno della grandine è tipico di questi mesi. La statistica ci aiuta: nell’estate del 1989 ci furono 17 grandinate in tutta la provincia di Ravenna, di cui 14 molto pesanti. Più recentemente, nel 2014 e nel 2017, le grandinate si sono fatte sentire e parecchio".
 

Si rimane stupiti dalle dimensioni di questi chicchi di grandine. Cosa determina la grandezza?
"In ogni temporale è presente grandine. Ma senza particolari condizioni, il chicco si scioglie prima di toccare terra. Quando nelle nubi c’è molta acqua e in quota forti correnti ascensionali, si creano le condizioni per chicchi di crescenti dimensioni. La perturbazione di lunedì con la sua aria fredda, ha incontrato aria estremamente calda ma, soprattutto, carica di umidità, tra il 60 e il 70%. Situazione ideale per le grandinate con chicchi grandi".
 

Abbiamo registrato temporali molto intensi ma di breve durata. Hanno depositato parecchia acqua, visto che si parla da mesi di siccità?
"Nelle zone più colpite sono caduti tra i 20 e i 30 millimetri di pioggia in circa 30/35 minuti. L’estate 2020 si sta dimostrando più instabile del recente passato, ma se analizziamo i quantitativi di pioggia caduti al suolo notiamo che siamo ancora al di sotto di altre annate. Nei comprensori di Alfonsine, Lugo, Conselice le precipitazioni sono state anche un pochino al di sopra della norma. Ma scendendo verso sud le precipitazioni sono state più scarse e, quindi, siccome la primavera è stata molto secca, la siccità permane. Dal 2000 a oggi la piovosità è diminuita del 20%".
 

Quali previsioni possiamo fare per i prossimi giorni?
"C’è un vortice depressionario in quota pieno di aria fredda che in queste ore si sta spostando verso est. Quindi interessa ancora la nostra regione. Fino al pomeriggio di domani saranno possibili altri rovesci a macchia di leopardo in provincia. Poi, da giovedì, tornerà l’alta pressione, il tempo andrà migliorando e le temperature torneranno a salire. Nel fine settimana tornerà il caldo ma sarà un caldo ‘normale’ e le temperature non arriveranno più ai valori della scorsa settimana. Soprattutto dovrebbe essere un caldo meno umido e più sopportabile".
lo. lazz.
 


Le previsioni meteo