Paolo Cavina
Paolo Cavina

Faenza (Ravenna), 22 settembre 2020 - "Abbiamo messo tutto il nostro impegno, ma non è bastato". Sono parole di amarezza quelle rilasciate a caldo da Paolo Cavina, candidato sindaco sconfitto del centrodestra. Era sembrato poter essere il primo a contendere seriamente la vittoria al centrosinistra: è arrivata invece una sconfitta a valanga. "Abbiamo cercato di raggiungere tutti. Non è stato sufficiente. Complimenti a Isola per essere riuscito a compattare una coalizione con PD, 5 Stelle, Italia Viva, cattolici e sinistra. Faremo opposizione sui temi cui teniamo: sanità, agricoltura".

LEGGI ANCHE Elezioni, "Isola nuovo sindaco"

Le componenti più civiche della coalizione già nei giorni scorsi avevano criticato l'esposizione di Cavina a fianco di esponenti della destra che in Romagna appaiono ancora divisivi: Salvini, La Russa, Adinolfi. "Io ci ho messo la faccia, mi sono reso disponibile a rappresentare la coalizione", si difende Cavina.

Per approfondire I risultati degli altri Comuni dell'Emilia Romagna

Nel tracollo della Lega, che sognava il 30% ma dovrà forse accontentarsi del 16%, emerge il boom di Fratelli d'Italia, che viaggia verso l'8%. "Ma eravamo qui per vincere", commentano i coordinatori Alberto Ferrero e Stefano Bertozzi. "Crediamo ancora che Cavina sia stato la scelta giusta. Evidentemente il nostro messaggio aveca in sé qualcosa di sbagliato. Su questo dovremo interrogarci. Ma dalla lista civica di Cavina ci si aspettava qualcosa di più, così come dalla Lega".