Ravenna, 20 luglio 2018 - Ma Di Maio verrà alla Festa? L’interrogativo fa il giro dei circoli Pd e dei meetup grillini. Le telefonate si incrociano: dalle agende si ripescano vecchi numeri di telefono: «Ciao, come stai? Ma Di Maio poi viene alla festa?».

«Noi ci occupiamo di organizzazione, di volontari e di alberghi. Gli inviti li hanno fatti dal Pd nazionale. Hanno contattato il vice premier Luigi Di Maio, così come altri ministri» commenta il segretario provinciale dei democratici Alessandro Barattoni.

Certo che la notizia di un possibile arrivo a Ravenna del leader pentastellato ha ridato una boccata d’ossigeno ad un’estate politica sonnolenta. Di Maio, vice premier e ministro del Lavoro, potrebbe essere protagonista di un dibattito con che la senatrice Teresa Bellanova. La capogruppo Pd nella Commissione Attività produttive non perde occasione per polemizzare proprio con il ministro del Lavoro: dall’Ilva all’Alitalia ogni giorni piovono frecciate avvelenate tra i due contendenti.

Ravenna si prepara così a finire sotto i riflettori, perchè anche negli ambienti Pd romani l’invito a Di Maio rappresenta il segnale di una progressiva distensione verso il M5S nella speranza che lasci l’alleato leghista.

Mentre a Roma si fanno le grandi strategie, a Ravenna si lavora per la kermesse che si terrà dal 24 agosto al 10 settembre nell’area del Pala de Andrè.

Saranno mobilitati più di mille volontari, la maggior parte della provincia di Ravenna ma con contributi dalle altre città romagnole. Le presenze stimate oscillano dalle 250 mila alle 300 mila persone.

Tra i leader presenti, oltre ovviamente al segretario Martina, sono attesi gli ultimi presidenti del Consiglio del Pd: Gentiloni, Renzi, Letta.

Per ora è stato reso noto ufficialmente soltanto il calandario degli spettacoli. Sul palco si alterneranno fra gli altri Frah Quintale (24 agosto), Ivano Marescotti (25), Fausto Leali (26), Caparezza (28 agosto, posto unico 25 euro - in vendita sul circuito TicketOne) i Moka Club (31 agosto), Cristina D’Avena & Gem Boy Show (7 settembre), Modena City Ramblers (l’8), Dik Dik (9 settembre). Alla Tenda Socjal Club Paolo Hendel presenterà il 7 settembre il suo libro ‘La giovinezza è sopravvalutata”.

«Sul piano culturale – aggiunge Barattoni – Ravenna sarà certamente protagonista. L’organizzazione attende la conferma della presenza di scrittori e protagonisti della cultura di primo piano».

A giorni cominceranno anche i contatti con gli alberghi della provincia per le convenzioni con la festa nazionale.

Definiti anche i ristoranti, con una forte impronta romagnola: dall’Osteria del Borgo alla Collina passando per l’Osteria Furzena e s-ciadur.

A proposito di feste nazionali, Cervia ospiterà dai primi di agosto quella della Lega Nord Romagna. Il 4 interverrà il leader Matteo Salvini.