Cervia (Ravenna), 3 agosto 2019 - La fila per gli stand della piadina e del fritto alle 19 era già lunga. Famiglie, giovani, anziani: i fan di Matteo Salvini (FOTO) si sono dati appuntamento anche quest’anno a Cervia per la festa nazionale della Lega Romagna. A pochi chilometri dal Papeete beach di Milano Marittima dove il ministro dell’Interno ha ‘trasferito il suo ufficio’ in questi ultimi giorni, la folla lo attende con magliette che lo ritraggono e fascette Lega Romagna.

false

C’è lo stand che vende i gadget a tema: bracciali e bandiere ricoperte di paillettes. "Ho realizzato a mano io questi lavori" racconta Clara Agnoletti, sarta in pensione avvolta in una sciarpa brillante. "Seguo il Capitano da anni". I partecipanti alla festa fanno a gara per sottolineare il loro amore leghista fin dalla prima ora. E quando chiedi loro che cosa apprezzano di Salvini al primo posto c’è sempre "lo stop agli stranieri che hanno invaso l’Italia".

false

Ad aprire la serata il ministro degli Affari europei Lorenzo Fontana. Jacopo Morrone, sottosegretario alla Giustizia e segretario della Lega Romagna annuncia l’arrivo del vicepremier alle 21,30. Il pubblico si assiepa sotto al palco ma tanti cercano il posto migliore per riuscire a cogliere con uno scatto l’ingresso del ministro dell’Interno. Alle 21,30 sul palco salgono i ballerini di liscio Mattia e Silvia,  'in omaggio alla Romagna' (VIDEO).

image

Un quarto d’ora dopo l’arrivo di Salvini in bici tra le note di Nessun dorma e una marea di mani alzate con smartphone per i  video. Subito la Romagna: "Ringrazio questa terra e chi sceglie di venire qui in vacanza. Anche quest’anno abbiamo sostenuto ‘Spiagge sicure’ e come l’anno scorso sotto l’ombrellone non ci sono più 'vu cumpra’ che rompono. Io vengo a Milano Marittima anche se il Pd trova modo di fare polemica anche su questo".

Dal pubblico parte un ‘fascista’. E Salvini si alza in piedi e indica: "il comunista che urla fascista mi mancava. Avete perso a Predappio, qui in Romagna, siete in via di estinzione" (VIDEO). Il pubblico acclama e grida ‘fuori’. Salvini chiude con una battuta che raccoglie applausi scroscianti: "Offrite una piadina al compagno!". "Avete perso anche a Forlì e Ferrara e ora vinceremo anche in Regione".
La piazza dedicata alla festa della Lega è stata monitorata dalle forze dell’ordine: carabinieri, polizia e guardia di finanza che in divisa e in abiti civili hanno controllato in modo costante ma discreto la folla.