Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cervia, Salvini fa il pienone alla festa della Lega

Bagno di folla e selfie per il ministro dell’Interno. "Tirerò dritto fino alla fine" 

di MILENA MONTEFIORI
Ultimo aggiornamento il 5 agosto 2018 alle 14:51
Matteo Salvini a Cervia (foto Zani)

Cervia (Ravenna), 4 agosto 2018 - Dai selfie in riva al mare a quelli sul palco allestito nel piazzale dei Salinari a Cervia blindatissimo e gremito: oltre tremila le persone accorse per la festa della Lega Romagna ma soprattutto per lui, Matteo Salvini. La prima volta alla kermesse da vicepremier e ministro dell’interno è andata in scena nel segno della continuità, con l’arrivo in bicicletta tra due ali di folla, ma anche della rivoluzione, quella del popolo della Lega che ha accolto il suo leader tra braccia alzatE e grida: «Vai Matteo» e «Un capitano, c’è solo un capitano».

Nel cuore dell’Emilia Romagna è andata in scena la conquista a colpi di bordate firmate Matteo Salvini. «Lo scorso anno mi avevate chiesto di mandare a casa Renzi e il suo governo e ho mantenuto la promessa: questi il governo non lo vedono più per trent’anni» ha esordito il vicepremier sul palco, maglietta dei vigili del fuoco e jeans. POI, intervistato dal vicedirettore del tg1 Gennaro Sangiuliano, Salvini ha snocciolato i suoi cavalli di battaglia: legittima difesa, immigrazione («Non ci sono bianchi, neri, gialli, ma solo persone per bene e delinquenti. Sono per un’immigrazione limitata, controllata e qualificata»), legge Fornero («Da smontare pezzetto per pezzetto»), recupero del criterio del merito, riduzione delle tasse e spesa.

LEGGI ANCHE Salvini a Berlusconi: "Se Forza Italia preferisce Renzi lo dica"

E la degna conclusione di una serata come quella di ieri non poteva che essere che una pioggia di selfie con la gente fatta salire sul palco per uno scatto. A centinaia si sono susseguiti armati di telefono cellulare, un’ora dopo la fine del dibattito c’era ancora gente che scattava. Salvini ha chiuso con una promessa: «Vi chiedo di starmi vicino, se mi date mandato non mollo di un millimetro. Tiro dritto». E prima di salutare tutti ha intonato ‘Romagna mia’.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.