Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

Aromando e Poggi: è nata la coppia della ’doppia doppia’

Nei Raggisolaris in serie positiva da sei partite spicca il rendimento, tra punti e rimbalzi, dei due giocatori

Giovanni Poggi a canestro sotto lo sguardo di Simone Aromando: sono i giocatori che in queste giornate stanno trascinando i Raggisolaris (Tedioli)
Giovanni Poggi a canestro sotto lo sguardo di Simone Aromando: sono i giocatori che in queste giornate stanno trascinando i Raggisolaris (Tedioli)
Giovanni Poggi a canestro sotto lo sguardo di Simone Aromando: sono i giocatori che in queste giornate stanno trascinando i Raggisolaris (Tedioli)

Attenti a quei due. La rinascita dei Raggisolaris, capaci in un solo mese di colmare il distacco dalla zona playoff da 10 punti agli attuali 2, è dovuta anche alle ottime prestazioni della coppia di giocatori faentini formata da Simone Aromando e Giovanni Poggi, diventati nelle ultime settimane veri e propri giganti sotto canestro. Il rendimento dei due lunghi è figlio del gioco di squadra ritrovato e del lavoro di coach Garelli, bravo a ridare una identità in attacco e in difesa. Aromando è il giocatore finito maggiormente sotto i riflettori, capace di viaggiare costantemente in doppia cifra come punti e rimbalzi, tanto da guadagnarsi anche il posto nel miglior quintetto della serie B nelle ultime settimane proprio come il suo compagno di reparto. Il rendimento di ‘Aro’ è aumentato in maniera esponenziale dal match con Cesena, prima delle sei vittorie consecutive, dove segnò 17 punti catturando 16 rimbalzi, seguiti poi dai 25+19 con Teramo e dal 18+18 con Montegranaro. L’unico incontro in cui non ha toccato i 10 punti è stato con Imola, fermatosi a 8, ma in quella occasione i rimbalzi furono ben 23, proprio come quelli catturati sabato scorso contro Senigallia a cui ha aggiunto 22 punti. Il bottino di 17+14 è stato invece quello messo a referto con Giulianova.

Numeri che lo fanno essere il miglior rimbalzista di tutta la serie B. Aromando fa della fisicità e dell’esplosività le sue armi in più e già nella sua prima esperienza faentina a soli 20 anni, nel 2017, lo dimostrò a suon di schiacciate e con una super stoppata ai danni dello statunitense McCamey della Fortitudo Bologna, gesto atletico che lasciò stupito l’allora coach dell’Aquila, Matteo Boniciolli.

Poggi è invece un giocatore più tecnico, bravissimo a smarcarsi dell’avversario e a trovare sempre il pertugio giusto per mettere il pallone nel cesto. I suoi ’pick and roll’ con Vico sono ormai un must per i tifosi dei Raggisolaris e ha il merito di essere sempre al posto giusto nel momento giusto. Pure il pivot romano sta viaggiando in doppia cifra da un mese, ma nell’ultimo incontro con Senigallia oltre ai 16 punti e ai 13 rimbalzi ha subito anche 10 falli. Nelle gare precedenti aveva totalizzato 26+12 con Giulianova, 15+14 con Imola e 11+12 con Montegranaro.

Domani i faentini giocheranno a Jesi, formazione condannata ai playout nonostante i tanti giocatori di talento, e dovranno vincere questa sfida e le due successive con Ozzano in casa e con Civitanova Marche in trasferta per centrare i playoff. La corsa con Imola, Ozzano e Senigallia per tre posti nei playoff sarà aperta fino all’ultimo, ma con un percorso netto e la vittoria di 9 punti con Ozzano, che ribalterebbe il passivo dell’andata, i Raggisolaris sarebbero certi del pass per la post season. Uno scenario che regalerebbe un filotto di 9 vittorie consecutive, record in serie B che supererebbe la serie di 8 successi di fila conquistati nella stagione 2018-2019.

Luca Del Favero

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?