Da sinistra Baldassari, Sacchi, Degli Esposti, Gnocchi, Nanni, Preti e Marocchi (Zani)
Da sinistra Baldassari, Sacchi, Degli Esposti, Gnocchi, Nanni, Preti e Marocchi (Zani)

Milano Marittima (Ravenna), 14 giugno 2019 - I campioni in erba di domani, premiati da quelli di oggi e anche da quelli di ieri. Il fascino e la magia del Carlino d’Oro (340mila i voti giunti in redazione) si sono dunque ripetuti puntuali per la quindicesima volta di fila. Nel suggestivo ‘corner’ al tennis club del MarePineta Resort, sul lungomare di Milano Marittima, la ribalta si è dunque accesa di nuovo. E, quello che ormai è diventato un appuntamento fisso e attesissimo di inizio estate, non ha mandato deluso il folto pubblico che ha assistito alle premiazioni.

L’evento, organizzato da Mario e Patrick Baldassari, in tandem con l’ufficio marketing del Carlino, è stato presentato da Doriano Rabotti, vice capo della redazione sportiva del Carlino. Sul palco – nel pieno dello spirito dell’iniziativa del Carlino che ‘lancia’ i baby calciatori di domani – si sono avvicendati nomi di punta del calcio italiano ed internazionale. Tra l’altro, proprio Riccardo Orsolini, astro nascente della under 21, attaccante della Juve in prestito al Bologna, nell’edizione 2016 del Carlino d’Oro fu il più votato ad Ascoli. Applauditissimo Gene Gnocchi, che ha allietato la serata con le sue gag.


false
Ricchissimo è stato il parterre, con la presenza dell’ex ct azzurro Arrigo Sacchi, nonché Andrei Radu, portiere dell’Inter che ha giocato col Genoa, Gianluca ZambrottaMarco Di Vaio e l’arbitro Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli, uno dei fischietti emergenti. Presente (e premiato), anche Leonardo Mazza, azzurrino del Bologna, oltre ad una rappresentanza della squadra rossoblù che ha vinto il Viareggio. Riconoscimenti sono andati al tecnico Cosmi, agli ex giocatori Sebastiano Rossi, Protti, Maspero, Servidei, Mannini, Valdifiori, Marocchi e Gabbiadini, così come ai procuratori (ed ex calciatori) Tinti, Martina e Damiani, nonché Augusto Patrignani, presidente del Cesena, neopromosso in C. Presente anche Francesca Menarini, ex presidentessa del Bologna nell’anno del Centenario.

Le luci della ribalta sono poi andate sui veri protagonisti, ovvero i vincitori delle classifiche provinciali. Menzioni speciali, ovviamente, per chi ha primeggiato nelle classifiche assolute, ovvero lo juniores Riccardo Novi (Ascoli), l’allievo Francesco Villani (Pontevecchio), il ‘giovanissimo’ Francesco Nanni (Casalecchio), l’esordiente Alessio Ghergo (Recanatese), Sofia Pirini (Bologna), l’allenatore Daniele Preti (Real Casalecchio), l’arbitro Simone Degli Esposti (Bologna), nonché Fabio Di Mauro, juniores dello Junior Finale Emilia, primo nella graduatoria del web, che si sono guadagnati una giornata nei ritiri di Inter, Milan e Juve. Francesco Nanni si è aggiudicato anche il Carlino d’Oro ‘assoluto’ con 4890 voti.