Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

Gazzotti: "Grande partita quella dell’OraSì a Udine"

Il lungo giallorosso: "Ci siamo fatti valere contro la formazione più forte del campionato, abbiamo sfiorato la vittoria e possiamo essere orgogliosi"

Giulio Gazzotti a Udine ha messo a segno una spettacolare stoppata
Giulio Gazzotti a Udine ha messo a segno una spettacolare stoppata
Giulio Gazzotti a Udine ha messo a segno una spettacolare stoppata

L’OraSì è a un passo dalle grandi, lo certificano i risultati e lo confermano anche gli avversari. Se infatti è vero che a Udine la squadra ha perso, è anche vero che è stata l’avversaria che ha messo più in difficoltà la prima della classe, parola di coach Boniciolli. Per 39 minuti e spiccioli infatti Ravenna è parsa in grado di fare il colpaccio ed è stata solo una leggerezza a punirla nel finale. "Abbiamo disputato una grande partita – conferma il numero 6 dell’OraSì, Giulio Gazzotti – contro una squadra che ha dimostrato ancora una volta di essere a mio avviso la più forte del campionato. Udine mi ricorda molto Napoli dell’anno scorso, dotata di una rotazione profondissima". Napoli poi è stata promossa in serie A ed è quello il medesimo obiettivo dei friulani.

Tuttavia in una sfida che nulla aveva da invidiare a una gara playoff, Ravenna ha detto la sua fino all’ultimo. E tutto questo giocando senza Sullivan per 16 minuti e con Cinciarini che non è apparso in serata. "Peccato per qualche episodio in cui ci siamo innervositi – prosegue Gazzotti – L’espulsione di Sullivan ci poteva stare, ma è necessario rimanere più tranquilli. Alla fine abbiamo perso sui dettagli rimanendo in campo sempre gli stessi per due quarti, mentre loro hanno potuto ruotare molti uomini. Ci siamo andati vicini a vincere, possiamo esserne orgogliosi".

Per Gazzotti si trattava di una partita da ’ex’. Per lui 10 presenze in maglia Apu nella stagione 2019-2020. "Purtroppo è stata un’esperienza breve, poiché, dopo lo scoppio del Covid, l’intera squadra è stata liberata. Però sono contento che Udine sia andata avanti e abbia creato un progetto forte. Hanno un grande palazzetto, un bellissimo pubblico e un’ottima organizzazione. Come ho detto anche al presidente Pedone, meritano di andare in serie A".

Della sua prestazione da 7 punti, 8 rimbalzi e una bella stoppata su Esposito (oggi al numero 6 della ’Top 10’ Lnp), Gazzotti dice: "Io devo fare le cose che servono alla squadra. A volte riescono, a volte meno, ma le mie partite non vanno giudicate dalle statistiche, sono qui per mettere la mia esperienza al servizio del gruppo. Sono contento per i tiri liberi andati a segno perché ultimamente non stavano andando molto a segno".

Lunedì a Faenza arriverà Treviglio, giustiziera di Cento nel secondo turno di orologio e quarta forza del girone Verde. Ravenna invece è sicura del terzo posto nel Rosso comunque vadano le ultime due gare. "È stata fondamentale la partita con Torino per ottenere il terzo posto – ricorda infine Gazzotti – Volevamo iniziare subito vincendo e lo abbiamo fatto contro una signora squadra. Ora, come ha detto il coach, vogliamo utilizzare le ultime due partite di questa fase per cercare di aggiustare quelle cose che ci serviranno nel primo turno playoff".

E per la gara contro Treviglio, in programma alle 19, l’OraSì lancia la promozione ’Porta un amico’ al PalaCattani: presentandosi con un amicoa alle casse del palasport faentino e acquistando un biglietto a prezzo intero nei settori Tribuna NordSud (12 euro) e Curva Manetti (10 euro), ci sarà la possibilità di acquistare il secondo biglietto al costo di 5 euro.

Stefano Pece

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?