Quotidiano Nazionale logo
3 mag 2022

I Raggisolaris stendono Ozzano E sono padroni del loro destino

Col largo successo per 80-58 la squadra di Garelli vincendo nelle Marche entrerebbe da settima ai playoff

Un’entrata di Simone Aromando, autore di 16 punti (Foto Tedioli)
Un’entrata di Simone Aromando, autore di 16 punti (Foto Tedioli)
Un’entrata di Simone Aromando, autore di 16 punti (Foto Tedioli)

Neanche il più accanito dei tifosi dei Raggisolaris avrebbe pensato di vivere un match come quello con Ozzano. I faentini dovevano vincere possibilmente di 9 punti per restare in corsa per i playoff e durante la settimana tutti gli addetti ai lavori avevano fatto calcoli per eventuali arrivi a pari punti e per possibili classifiche avulse, ma ci hanno pensato Petrucci e soci a far buttare via tutte le calcolatrici, vincendo di 22, uno scarto che ha fatto saltare il banco e cambiato la corsa playoff. Con questo risultato ora i manfredi sono padroni del loro destino, perché vincendo domenica a Civitanova Marche sarebbero non solo qualificati, ma addirittura settimi e troverebbero nei quarti Bisceglie. A farne le spese è stata proprio Ozzano che ora dovrà sperare in un ko di Faenza per rubarle il posto, mentre sorride Imola, entrata grazie proprio all’ampia vittoria dei cugini. Il risultato finale di 80-58 (21-8; 36-27; 64-49) è frutto di una grandissima prestazione e di una aggressività mostrata dai Raggisolaris sin dalla prima azione tanto che all’11’ erano avanti 28-8. Poi Ozzano si è portato fino al -1 e proprio in questo momento si è visto il carattere dei romagnoli, bravi a riprendere in mano l’inerzia e a toccare anche il +26. Un successo che a livello morale è importantissimo in vista della trasferta marchigiana di domenica contro una squadra già certa dei playout, ma guai a sentirsi già vincitori, perché lo sport è pieno di esempi di squadre scivolate ad un centimetro dal traguardo. "Non abbiamo fatto ancora nulla – sottolinea coach Luigi Garelli – e ci manca ancora un passo per raggiungere l’obiettivo. Di sicuro sapere di avere il destino nelle nostre mani e di non dipendere dagli altri è un ottimo vantaggio, ma non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare Civitanova Marche. Il nostro è un girone durissimo e potrebbe addirittura accadere che una squadra con 34 punti arrivi nona, bottino che di solito vale ampiamente i playoff. Dovremo quindi mostrare la stessa concentrazione mostrata contro Ozzano e dovremo non pensare a quello che abbiamo fatto, perché dopo che si vincono partite così sentite e ben preparate c’è il rischio di sedersi. Io per primo dovrò far mantenere alta la concentrazione". Vincendo domenica i Raggisolaris conquisterebbero anche un record, perché la nona vittoria consecutiva sarebbe la striscia più lunga di successi ottenuta in serie B. Il tabellino della partita. FAENZA: Mazzagatti, Siberna 6, Vico 9, Ballabio 5, Poggi 10, Reale 7, Molinaro 14, Petrucci 13, Aromando 16, Rosetti. All.: Garelli OZZANO: Landi ne, Folli 4, Morara, Iattoni 6, Galletti, Cisbani ne, Klyuchnyk 14, Chiappelli 7, Barattini 4, Ceparano 2, Bonfiglio 10, Lasagni 9. All.: Loperfido

Luca Del Favero

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?