Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 mag 2022

Raggisolaris, primo stop dopo dieci meraviglie

Faenza troppo imprecisa è sconfitta in gara2. La serie va sull’1-1 e si allunga. Domani si gioca in casa

18 mag 2022
Sebastian Vico in azione
Sebastian Vico in azione
Sebastian Vico in azione
Sebastian Vico in azione
Sebastian Vico in azione
Sebastian Vico in azione

Tecnoswitch Ruvo

82

Raggisolaris Faenza

73

Ruvo di Puglia: Merletto 14, Markovic ne, Mastroianni 9, Cantagalli 8, Cassar 9, Lurini, Hidalgo 14, Bartolozzi 12, Monina 2, Di Terlizzi ne, Ciribeni 14, Sbaragli ne. All. Ponticiello

Raggisolaris Faenza: Mazzagatti ne, Siberna 14, Vico 11, Ballabio 4, Poggi 10, Reale 9, Molinaro 9, Petrucci 6, Aromando 10, Cortecchia ne. All. Garelli

Arbitri: Picchi e Faro

Note. Parziali: 26-23; 42-49; 67-63. Tiri da 2: Ruvo 2338, Faenza 1428; Tiri da 3: Ruvo 724, Faenza 928; Tiri liberi: Ruvo 1522, Faenza 1826; Rimbalzi: Ruvo 29, Faenza 43.

Alla fine sono stati davvero i dettagli a fare la differenza nella seconda gara dei playoff. Troppi tiri liberi sbagliati e troppi tiri da 3 non finalizzati. Pesa questo in particolare nella sconfitta dei Raggisolaris 82-73 a Ruvo di Puglia contro la Tecnoswitch per la prima volta dopo una serie di 10 vittorie consecutive.

Purtroppo i neroverdi non sono riusciti a ripetere la prestazione di domenica scorsa e nonostante un lungo periodo in equilibrio e la possibilità di prendere il largo, hanno accusato la determinazione dei padroni di casa che dopo la ripresa hanno completamente cambiato il corso della partita.

In avvio è stata Ruvo a partire con Cantagalli e Ciribeni, a cui è seguita la replica di Poggi e di Ballabio. I manfredi poi hanno aumentato a +5 mantenendo il vantaggio quasi fino alla fine del periodo. Prima della sirena però Hidalgo ha inventato giocate, si è caricato la squadra sulle spalle e ha consentito ai padroni di casa di concludere il primo periodo 26 a 23. Il successivo quarto è stato invece inaugurato da una tripla per parte, per Faenza il solito Vico, per Ruvo Bartolozzi. Poi solo break minimi fino alla sostituzione di Cassar tra le fila pugliesi, della cui assenza così come degli errori ne hanno approfittato i manfredi che hanno portato il proprio vantaggio a +7 con cui si è andati all’intervallo (42-49).

Nella ripresa i padroni di casa hanno messo in campo tutta la determinazione necessaria per recuperare lo svantaggio e portarsi nuovamente sotto con un break di otto punti consecutivi. Una volta in parità, complice anche la stanchezza sopraggiunta, i faentini non sono riusciti a mantenere la concentrazione commettendo falli e soprattutto sbagliando tiri sotto canestro (anche dalla lunetta, nda). Non a caso i locali hanno quindi allungato a +4 chiudendo il periodo in vantaggio 67-63. Una serie positiva con cui Ruvo ha iniziato anche l’ultimo quarto trovando a ripetizione canestri sull’asse Hidalgo-Cassar. I locali hanno così aumentato il vantaggio ad 11 punti, ridotto leggermente nel finale dagli ospiti. I ‘Raggi’ dovranno ora ricaricare velocemente le batterie in vista delle prossime gare di fronte al proprio pubblico. Al Palacattani gara 3 è in programma domani alle ore 20.30, e gara 4 domenica alle 18.

Damiano Ventura

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?