Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 giu 2022

"Se non ci muoviamo rischia di sparire un patrimonio"

’Lollo’ Bandini, motore del tifo giallorosso con i Leoni Bizantini: "Abbiamo già messo a disposizione quanto raccolto con le nostre iniziative"

12 giu 2022
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)
I tifosi giallorossi con lo striscione dei Leoni Bizantini (Zani)

Il popolo giallorosso è stato il primo a raccogliere l’invito del Basket Ravenna a unire le forze e spera di essere un traino verso realtà dotate di mezzi concreti. Lorenzo Bandini è il motore del tifo giallorosso e insieme al gruppo Leoni Bizantini si è fatto megafono della società. "Sono molto favorevole a questo appello – commenta Lorenzo, detto ’Lollo’ –. Se non ci muoviamo tutti insieme rischia di sparire un patrimonio della nostra città". Lollo chiarisce anche a voce ciò che ha già espresso sui social in questi giorni: "Il Basket Ravenna non è soltanto la partita delle 18. È tutto ciò che vi ruota intorno. Ci sono tante persone che lavorano dietro le quinte, da quelle impegnate in segreteria agli allenatori del settore giovanile fino ad arrivare a tutto lo staff che gravita intorno alla prima squadra. Il Basket Ravenna è tutto questo ed è anche un modo per portare i nostri colori in giro per l’Italia, per far conoscere la nostra città e, non da ultimo, per fare del bene".

Sono state numerose infatti le iniziative a sfondo benefico messe in piedi dai Leoni Bizantini in questi anni. Raccolte fondi che hanno aiutato diverse persone. "Se sparisse il Basket Ravenna – sottolinea Bandini –, tutto questo verrebbe a mancare e sarebbe un peccato". Come ha sottolineato Bottaro, i tifosi sono stati i primi a muoversi e a mettere mano al portafoglio, anche se non tutti hanno accolto positivamente questa iniziativa della società. "Diciamo che un buon 90% di persone ha accolto favorevolmente la richiesta e si è informata subito sulle modalità di partecipazione – spiega Bandini –. Altri invece ritengono che non stia ai tifosi salvare la società".

A questi ultimi la voce dei Leoni Bizantini ha risposto così: "Partendo dal presupposto che tutte le opinioni sono rispettabili, ho fatto loro presente che in due anni di Covid la società ha mandato avanti un progetto in una categoria molto costosa come la A2. E lo ha fatto – prosegue Lollo – senza poter contare sugli incassi dal botteghino e dal bacino del settore giovanile. E parliamo di un settore giovanile importante, composto da oltre 300 ragazzi. Pertanto chiedo loro di non dimenticare gli sforzi che sono stati fatti". Sul futuro Lollo si dice ottimista. "Tutti noi Leoni lo siamo – afferma –. Tutto ciò che avevamo accumulato in cassa dalle nostre iniziative lo abbiamo messo a disposizione della società e molti di noi hanno contribuito anche di tasca propria. Le persone che stanno portando avanti il basket a Ravenna meritano rispetto perché ci stanno mettendo la faccia e noi vogliamo fare il possibile per aiutarle".

s.p.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?