Il muro della Consar ha portato in dote 10 punti

Ravenna, 7 novembre 2018 - La Consar Ravenna annienta anche Castellana Grotte nel turno infrasettimanale e conquista la seconda vittoria casalinga consecutiva in quattro giorni dopo quella contro Vibo. È anche la terza vittoria stagionale in sei gare di Superlega. Col 3-1 (25-22, 25-21, 24-26, 25-17) rifilato ai pugliesi, le prospettive del team giallorosso diventano interessanti, non solo in chiave salvezza.

Dopo aver controllato il match per i primi due set, i giallorossi si sono complicati la vita nel 3° set, perso 24-26 dopo aver sprecato 3 match ball sul 24-21.

Nel 4° parziale ci ha pensato Poglajen a caricarsi la squadra sulle spalle fino al 25-17.

Nel post partita, coach Graziosi ha tirato un sospiro di sollievo, ma si è comunque complimentato con la squadra per la prestazione: «In pratica abbiamo vinto 4-0, perché alla fine abbiamo fatto tutto noi. È andata bene,ma abbiamo sofferto troppo. I primi punti del 3° set li abbiamo affrontati con sufficienza. E proprio quel parziale è stato incredibile». L’allenatore dei ravennati ha fornito anche una spiegazione per giustificare quello che è successo proprio sul più bello: «C’era troppa tensione in campo, questo è parso evidente. Del resto, la posta in palio era altissima. Oltre allo scontro diretto contro Castellana, questa partita valeva qualcosa in più dei 3 punti. Lo testimoniano i tanti errori commessi e la poca lucidità avuta nel frangente decisivo. Un set così va portato a casa, senza se e senza ma. Ognuno dei giocatori in campo ha cercato di chiuderlo a proprio modo, e il risultato si è visto. Per fortuna siamo stati bravissimi nel 4° set, perché, perdere un set come quello precedente, avrebbe potuto ammazzare un toro».

Il tabellino

Consar Ravenna-Bcc Castellana Grotte 3-1
(25-22, 25-21, 24-26, 25-17)

CONSAR RAVENNA: Verhees 6 Saitta 6, Lavia 3, Russo 8, Rychlicki 28, Poglajen 14; Goi (L); Raffaelli 6, Argenta, Marchini, Elia; ne: Smidl, Di Tommaso, Frascio (L2). All. Graziosi.
CASTELLANA GROTTE: De Togni 9, Renan 19, Wlodarczyk 10, Zingel 4, Falaschi 4, Mirza 11; Cavaccini (L1); Studzinski 6, Kovac, Scopelliti, Quartarone; ne: Kruzhkov, Agrusti, Pace (L2). All. Tofoli.
Arbitri: Simbari (Mi) e Boris (Pv).
Note – Durata set: 31’, 30’, 33’, 26’ per un totale di 2h. Ravenna: bs 13, bv 13, muri 7, errori 11; Castellana Grotte: bs 17, bv 9, muri 3, errori 12. Spettatori 1.580 per 6334 euro di incasso.