Davide Saitta, nuovo alzatore del Porto Robur Costa Ravenna
Davide Saitta, nuovo alzatore del Porto Robur Costa Ravenna

Ravenna, 30 maggio 2019 - Adesso è ufficiale, Davide Saitta è il nuovo palleggiatore del Porto Robur Costa Ravenna per la prossima Superlega. L’esperto regista siciliano in passato ha vestito anche la maglia della nazionale azzurra. Classe ’87, è il secondo neo-arrivato della squadra di Graziosi, dopo il centrale Verhees. Saitta ha giocato dal 2014 al 2018 nella Ligue A francese, conquistando uno scudetto a Parigi nel 2016 e ricevendo il premio come mvp del campionato nell’annata 2016-17, nelle fila del Montpellier, la società da cui proviene.

Saitta non nasconde la propria soddisfazione per la nuova avventura che sta per iniziare: “Ravenna rappresenta tantissimo nel panorama italiano della pallavolo e sono grato a Bonitta per avermi scelto per ricoprire un ruolo così importante. Ho appena terminato un’esperienza di quattro anni in Francia che mi ha aiutato tantissimo a crescere da ogni punto di vista, in particolare nella gestione degli attaccanti e dei momenti decisivi delle partite. Porto alla squadra e ai compagni tutto il mio bagaglio tecnico e il massimo dell’impegno: mi piace lavorare con i giovani e so che in rosa ce ne saranno molti. Il fattore gioventù, che porta con sé sempre un po’ di sfrontatezza, potrà rappresentare una delle nostri armi in un campionato che preannuncia durissimo”.

La nuova Serie A, infatti, prevede la reintroduzione delle retrocessioni. “Sarà un torneo stratosferico, di livello ancora più alto rispetto al recente passato. Tutte le società si stanno rinforzando, dalla prima all’ultima, e quindi sono certo che ci sarà da lottare in ogni gara, sia con le corazzate, sia con le formazioni in lizza la salvezza. Non penso che tra l’ultima che si qualificherà ai playoff e la prima delle retrocesse ci saranno grandi punti di differenza in classifica, per cui mi aspetto un grandissimo equilibrio”.

Sugli obiettivi da realizzare nel suo ritorno in Italia il regista mostra di avere le idee chiare. “In passato ho giocato nella nazionale di Berruto, disputando anche un Europeo, ma penso che per me si tratti di un capitolo chiuso. In azzurro ho avuto tante soddisfazioni, ma è giusto in questo momento puntare sui tanti bravi palleggiatori giovani disponibili. La cosa che però più mi interessa è fare bene a Ravenna, mettendo in pratica in campo le indicazioni del tecnico Graziosi, aiutando in ogni occasione i miei compagni, in partita come in allenamento – termina Saitta – e dando il mio contributo per cercare di replicare la meravigliosa stagione appena vissuta dai tifosi ravennati”.