Vittoria per la Grissin Bon (foto Artioli)

Reggio Emilia, 24 gennaio 2018 - Notte magica per la Grissin Bon, che vince di cuore e grinta un’incredibile partita contro i fortissimi russi dell’Unics Kazan, che avevano avuto anche 17 lunghezze di vantaggio nel primo quarto e 10 all’inizio dell’ultimo. Successo di squadra ma con tre primattori: un volitivo e concretissimo Julian Wright, Della Valle chirurgico e affidabile, e Pedro Llompart, che con la sua sapiente regia ha imbeccato alla grande i compagni. Con questa vittoria Reggio fa un passo fondamentale verso la qualificazione ai quarti di EuroCup.

Starting-five inedito per Reggio con Nevels e Candi, ma a partire meglio sono i russi, più reattivi e aggressivi; sospinti da Colom volano in pochi minuti sul +1 e 0 (4-14). La truppa di Priftis appare totale controllo, mentre i biancorossi appaiono decisamente disorientati sui due lati del campo. Kazan segna a raffica e tocca anche il +17 (13-30 all’8’) prima di chiudere il quarto in vantaggio 17-30.

La Grissin Bon, sospinta da un ottimo Della Valle, entra in partita col secondo quarto, stringe le maglie in difesa e recupera quasi interamente il disavanzo a metà frazione (31-32). La truppa di Menetti paga però lo sforzo profuso per rimontare perdendo lucidità in fase offensiva e terminando il periodo in affanno, con sette lunghezze di ritardo. Al ritorno sul parquet dopo l’intervallo lungo l’Unics prova a dare un’altra spallata, sfruttando la sua indubbia fisicità. A metà frazione i biancoverdi riprendono la doppia cifra di margine (43-54) ma la Grissin Bon riesce quantomeno a contenere, pur facendo fatica ad operare un’adeguata reazione.

Agli ultimi 10’ si perviene con la truppa reggiana sotto 50-60; Reggio li approccia con grande coraggio e al 3’ è di nuovo a contatto (60-62). Una “bomba” di Nevels permette poi ai biancorossi di mettere il naso avanti al 7’ (67-64) mandando in visibilio il pubblico del PalaBigi.

Il finale, come quasi tutte le partite della Grissin Bon di quest’anno è palpitante, si arriva punto a punto sino agli ultimi secondi. A 14’’ dalla sirena Kazan sbaglia il tiro e Ponkrashov commette antisportivo su Reynolds. L’americano fa 1/2 dalla lunetta; sull’azione successiva Wright subisce un altro antisportivo, anche lui ne realizza uno. Ma a chiudere la gara, sempre dalla lunetta, è Della Valle.

GRISSIN BON: Wright J. 16, Candi 4, Della Valle 21, White 7, Reynolds 6, Markoishvili 5, Cervi 7, Nevels 7, Llompart 2. N.e.: Mussini e Bonacini. All.: Menetti.

UNICS: Ejim 13, Ndour 2, Ponkrashov , Colom 17, Lasme 18, Smith 5, Lockett 8,Andusic 4, Kolesnikov. N.e.: Trushkin, Koshcheev e Sergeev. All.: Priftis

Arbitri:Anne Panther (Ger), Emilio Perez Pizarro (Spa), Milan Nedovic (Slo)

Parziali: 17-30, 38-45, 50-60

Note: Tiri da 3: Reggio Emilia 4/22, Kazan 7/29; tiri liberi: Grissin Bon 22/30, Unics: 20/21