Bergamo, 23 Aprile 2018 - Se non altro il Padova, domenica al Città del Tricolore arriverà con la pancia piena dai bagordi per la serie B conquistata, complice la sconfitta della Reggiana in casa Albinoleffe, con i granata che subiscono dopo 13’ la rete seriana senza più riuscire a raddrizzare il match, restando così alle spalle della Samb nella corsa al 2° posto.

Con la difesa rivoluzionata dalle assenze (Rozzio, alla 2a presenza nel 2018 sulle 7 totali, al centro con Panizzi, Ghiringhelli dirottato a sinistra, Lombardo inserito in fascia opposta), i granata partono bene (Altinier incorna fuori dallo specchio un cross dalla destra) ma subiscono al 13’ la ripartenza letale dei seriani. L’ivoriano Kouko riceve sulla sinistra, si accentra, disorienta Panizzi e di destro supera Facchin in uscita (a nulla vale il disperato tentativo di Ghiringhelli che sulla linea devia a rete di testa). Urlano i pochi tifosi di casa, sicuramente i decibel aumentano a Padova dove la serie B si materializza. Dopo la doccia fredda la Reggiana sembra reagire subito: Carlini serve bene in profondità Ghiringhelli, che anzichè cercare il cross basso, spreca malamente calciando a lato. Cattaneo impegna Coser dalla distanza, l’occasione migliore però è di marca Albinoleffe, con un colpo di testa ravvicinato di Gusu che Facchin respinge con un guizzo decisivo. Cesarini (Mago, dove sei?) e compagni non riescono a prendere le redini del match e tanto per non smentire la maledizione dei difensori centrali granata, Rozzio, all’ennesimo rientro, è costretto ad abbandonare al 39’. Entra Riverola, Genevier si abbassa in una terza linea che più improvvisata non si può.

Il finale di prima frazione è teso, Ghiringhelli battibecca con gli avversari dopo una caduta in area bergamasca, Carlini, il più vivace, rimedia un giallo e costringe poi all’ammonizione Di Ceglie, sull’ennesimo spunto, poco prima del riposo. Rosso per Cattaneo, la novità di inizio ripresa. Che dopo 3’ potrebbe subito svoltare per la Reggiana, se Coser non neutralizzasse un destro di Riverola, autore di una splendida azione personale. Il piglio dei granata ora è quello giusto, fioccano i corner a favore, Cesarini vede respinta la prima conclusione personale della partita, poi proprio dalla bandierina, Rosso riceve dal limite dell’area ed esplode un destro al volo che sibila non distante dal palo. Poco dopo l’ora di gioco, Eberini inserisce Bobb e Cianci per l’ammonito Bovo ed Altinier. Genevier ferma in extremis Giorgione, con una provvidenziale scivolata, quando nella fase centrale del secondo tempo, la spinta granata sembra meno convinta.

Entra l’ex Sbaffo nei seriani, poco dopo un bel tiro di Cianci che sorvola la traversa. Rocco per uno spento Cesarini chiude i cambi della Reggiana, che sempre su angolo a favore avvicina il pari con Ghiringhelli in girata. Sul finire caricano a testa bassa i granata, alla ricerca di un punto utile per la corsa al 2° posto, Cianci reclama per una strattonata in area, Lombardo ci prova con la specialità della casa, ma la punizione è neutralizzata da Coser. Nei minuti di recupero Mondonico chiude Rosso al momento della conclusione, a negare un pareggio che gli uomini di Eberini avrebbero meritato.

IL TABELLINO

ALBINOLEFFE - REGGIANA 1-0

Marcatori: 13’ pt Kouko

Albinoleffe (3-5-2): Coser; Zaffagnini, Gavazzi, Solerio; Gusu (43’ st Mondonico), Di Ceglie, Nichetti, Giorgione, Gelli (48’ st Gonzi); Kouko, Colombi (27’ st Sbaffo). A disp: Chiriac, Badan, Coppola, Pellicanò, Montella, Ravasio. All. Alvini.

Reggiana (4-3-3): Facchin; Lombardo, Rozzio (39’ pt Riverola), Panizzi, Ghiringhelli; Bovo (18’ st Bobb), Genevier, Carlini; Cattaneo (1’ st Rosso), Altinier (18’ st Cianci), Cesarini (32’ st Rocco). A disp: Viola, Narduzzo, Manfrin, Palmiero, Zaccariello, Vignali. All. Eberini.

Arbitro: Vigile di Cosenza (Pacifico di Taranto, Elkhayr di Conegliano)

Note: Ammoniti: Carlini, Bovo (R); Di Ceglie, Gavazzi (A). Angoli: 11-4 per la Reggiana. Recupero: pt 1’; st 4’.