Fano, 21 marzo 2018 - La Reggiana non va oltre lo 0-0 con la cenerentola Fano e spreca la possibilità di accorciare le distanze con il Padova capolista (1-1 con la Feralpi). Un risultato che lascia l’amaro in bocca, con i granata che non riescono a incidere più di tanto nella partita, fermati dall’agonismo della formazione locale e anche da qualche decisione dubbia del direttore di gara De Santis.

Il grande rimpianto è legato all’occasione di Vignali, all’8’, che ha avuto una clamorosa occasione da cross di Cianci, ma il centrocampista ha calciato alto da posizione favorevole. Al 36’ episodio dubbio nell’area del Fano: punizione di Riverola, Crocchianti s’invola per ricevere il pallone ma viene toccato da dietro da Soprano e Sosa. I granata chiedono il penalty, De Santis lascia proseguire.

Nel secondo tempo il Fano crea diverse occasioni e Facchin compie un buon intervento al 36’ su Varano. Poi l’episodio finale nell’ultimo minuto di recupero: Cianci serve Carlini, il piede del granata viene toccato da Sosa e cade a terra, ma l’arbitro non fischia tra le proteste dei giocatori ospiti.

Ecco il tabellino del match:

FANO-REGGIANA 0-0
FANO (3-5-2): Thiam; Sosa, Magli, Soprano; Pellegrini, Filippini (24’ pt Schiavini), Mawuli, Danza (33’ st Lazzari), Lanini (33’ st Varano); Germinale, Melandri (33’ st Troianiello) (Nobile, Fabbri, Gaseri, Fioretti, King, Maddaloni, Masetti, Rolfini). All.: Brevi.
REGGIANA (4-3-3): Facchin; Ghiringhelli (34’ st Lombardo), Bastrini, Crocchianti, Panizzi (15’ st Manfrin); Vignali (43’ pt Carlini), Bovo, Riverola; Cattaneo (15’ st Altinier), Cianci, Rosso (34’ st Rocco) (Viola, Narduzzo, Zaccariello, Spanò, Genevier, Rozzio). All.: Eberini.
Arbitro: De Santis di Lecce (De Palma di Foggia, Bruni di Brindisi).
Note: Ammoniti Soprano, Panizzi, Sosa, Germinale, Riverola. Rec.: 3’ pt, 4’ st. Angoli 3-4.