Alvini soddisfatto della prestazione dei granata
Alvini soddisfatto della prestazione dei granata

Reggio Emilia, 24 agosto 2019 - La Reggiana conquista i primi tre punti della stagione nella giornata del ritorno in Serie C in un Città del Tricolore elettrizzato dal propositivo calcio offensivo offerto dagli uomini di Alvini. Baricentro alto, Staiti collante fra attacco e centrocampo, Rossi a giostrare la manovra e tanti chilometri dagli esterni la ricetta messa in mostra dal fischio d’inizio nella meta campo ospite dai granata, tanto che dopo soli 5’, dopo un maldestro disimpegno di Rinaldi, Staiti scaglia un missile al volo di destro pieno che centra il sette sotto la Curva Sud, che ruggisce insieme alla Iena, uno dei tre superstiti della scorsa stagione in campo (Rozzio e Spanò gli altri).

La Regia è costantemente protesa in avanti, tanto che solo al 9’ la Feralpi, lenta in fase di costruzione e slegata fra i reparti, riesce ad impensierire Voltolini con un tiro piazzato dal limite di Guidetti che l’estremo difensore reggiano spedisce in corner.
Al ventesimo, poi, è solo una provvidenziale scivolata di Giani a frenare un contropiede innescato da un errore dell’ex Contessa e proseguito ottimamente da Staiti e Marchi, cunei nella fase difensiva bresciana in evidente affanno.
Ma è questione di attimi.

Nell’azione successiva, infatti, Scappini sigla la sua quarta rete in tre gare (sempre a segno), capitalizzando di testa un cross “no-look” di Varone, bravo a raccogliere il pallone respinto da De Lucia su una conclusione dell’indiavolato Staiti. Alla mezz’ora è sempre l’ex Cittadella protagonista, salvando sulla linea un colpo di testa a botta sicura di Rinaldi, con il pallone che finisce sulla parte interna della traversa e torna in gioco. Nelle battute finali della prima frazione, Ceccarelli (tiro ad incrociare a lato) e poi Caracciolo (respinta coi piedi di Voltolini) non riescono ad accorciare le distanze.

Al ritorno in campo gli equilibri non cambiano, e dopo la Iena, così, arriva il morso del Puma Varone. Al 60’ la sassata su punizione dell’ex Carrarese da trenta metri passa attraverso la barriera bresciana e coglie impreparato De Lucia, che si getta alla propria sinistra mentre il pallone gli passa accanto a destra. L’unico neo in una gara dominata dalla Regia arriva al 71’, quando, su corner, Giani svetta su Libutti per il gol del 3-1, complice anche una leggera deviazione dell’esterno granata. I granata, in seguito, danno spazio anche agli ultimi acquisti Kirwan e Lunetta ed impegnano De Lucia in due occasioni con Rodriguez negli ultimi dieci minuti, prima che proprio Lunetta metta la ciliegina sulla torta nell’ultimo minuto di gioco in contropiede.

La squadra salta sotto la curva sulle note di "L'Amour Toujours" mentre gli oltre 4.000 tifosi battono le mani e saltano. Un ritorno migliore in C Reggio non poteva di certo desiderarlo.

Il tabellino:

REGGIANA - FERALPISALO’ 4-0  ( 2-0 PT)

REGGIANA (3-4-1-2): Voltolini; Spanò, Rozzio, Espeche; Libutti (28’st Kirwan), Varone, Rossi (40’st Radrezza), Favale; Staiti (28’ st Zanini); Scappini (18’ st Rodriguez), Marchi (40’st Lunetta). All. Alvini. (A disp. Narduzzo; Martinelli, Santovito; Haruna, Sanat)

FERALPISALO' (3-5-2): De Lucia; Legati, Rinaldi, Giani; Zambelli (1 st’ Maiorino), Carraro, Guidetti, Pesce (1 st’ Stanco), Contessa (16’st Mordini); Caracciolo, Ceccarelli. All. Zenoni. (A disp. Liverani; Travaglini, Altare; Hergheligiu, Miceli; Bertoli).

Arbitri: Monaldi di Macerata (ass. Lencioni e Testi)
Reti: 5’ pt Staiti, 25’ pt Scappini, 16 st’ Varone, 27 st’ Giani, 48’ st Lunetta.
Angoli: 4-6
Recupero: 1’ pt; 4'st
Note: Ammoniti: Rozzio, Rodríguez, Kirwan (R); Legati (F). Spettatori 4.291 (3.893 abbonati, 398 paganti. Incasso totale 21.582 euro (16.800 quota abbonati + 4.782 euro botteghino)