Mario Biondi e i Quintorigo (Massimo Forchino)
Mario Biondi e i Quintorigo (Massimo Forchino)
Reggio Emilia, 19 dicembre 2018 – Sarà un a serata d'eccezione venerdì 21 dicembre al teatro Valli (sipario alle 21). Si tratta infatti della prima di due date “in casa” per i Quintorigo ospiti di Mario Biondi e del suo mini tour teatrale partito lo scorso 3 dicembre da Napoli.
Grande riscontro di pubblico e critica, fino ad ora, per questa serie di concerti in cui l’eclettico quartetto emiliano romagnolo incornicia con il suo inconfondibile sound la splendida voce del crooner siciliano, dando vita a un sound decisamente unico.
Dopo la partecipazione a Umbria Jazz dove i Quintorigo e Mario Biondi hanno suonato assieme per la prima volta dal vivo e dopo l’uscita lo scorso 9 novembre di “I Wanna Be Free”, nuovo singolo di Mario Biondi con uno straordinario featuring dei Quintorigo, arriva il tour teatrale, qualcosa che sancisce in modo definito l’avvenuto sodalizio tra i cinque artisti.
“Li seguo dagli inizi. Sono un estimatore. Il sodalizio - dice Mario Biondi - nasce proprio da questa mia ammirazione nei loro confronti, iniziata probabilmente ai tempi del primo Sanremo”.
I Quintorigo, definiti dallo stesso Biondi la “punta di diamante” dell’organico musicale, uniti a Federico Malaman, Max Greco e Tosh Peterson, danno vita a un nuovo capitolo live della carriera del crooner, fatto di nuove sonorità e sperimentazione.
Ancora una volta i Quintorigo si mettono in gioco, dopo oltre vent’anni di una carriera costellata di soddisfazioni e successi e festeggiata quest’anno con l’uscita del doppio album “Opposites”, lavoro in cui i quattro musicisti hanno giocato con i chiaroscuri della musica del ‘900: da Duke Ellington a Monk, da Oliver Nelson a Ornette Coleman, da David Bowie alle tinte acide dei Rage Against The Machine. Un dialogo tra artisti, fatto di classici rivisitati in stile Quintorigo, più undici brani originali.
Nel presentare il concerto , Biondi dice: “E sperimentazione sia! Ho pensato ad un connubio tra il moderno progressive dei Quintorigo, la maestria Jazz-Fusion di Federico Malaman, la grande conoscenza dei sound elettronici e l’esperienza nella pop music di Massimo Greco unita alla giovane e potente arte del diciassettenne Tosh Peterson alla batteria. L’idea è quella di rinnovare e potenziare un repertorio consolidato e fonderlo con novità piene di colori e sounds accattivanti per questo tour teatrale. Vi invito a condividere questa esperienza con noi”.