A quiet evening of dance
A quiet evening of dance


Reggio Emilia, 9 febbraio 2019 - William Forsythe è indubbiamente uno dei coreografi più importanti della sua generazione e uno dei massimi artisti del nostro tempo. Il suo rapporto con Reggio Emilia e con i suoi teatri è di lunga data. Mercoledì 13 febbaio (ore 20.30), ritorna al teatro Valli, nella stagione di danza, con A quiet evening of dance, il suo ultimo lavoro, produzione del Sadler’s Wells, che accosta opere nuove ed esistenti: DUO2015 – parte dello spettacolo di addio alle scene di Sylvie Guillem – e Catalogue (second edition), un aggiornamento dell’omonima coreografia del 2016, oltre alle nuove creazioni creazioni Prologue Epilogue e Seventeen/Twenty One.

(FOTO)

Spettacolo eterogeneo e appassionante che travalica ogni tentativo di categorizzazione, A Quiet evening of dance ha vinto il premio Fedora-Van Cleef & Arpels Prize for Ballet 2018.

Per questa inusuale combinazione di titoli dal repertorio e nuove creazioni, il coreografo ha immaginato qualcosa di simile a un concerto di musica da camera, ideato per essere ascoltato. Le creazioni spaziano dalla concentrazione analitica minimale al contrappunto di ispirazione barocca, alternando momenti di grande intensità espressiva a espressioni di pura gioia. I sette danzatori invitano il pubblico negli ingranaggi della danza e nella mente dell’uomo che ha dedicato il suo lavoro a questo compito.

A quiet evening of dance, ideazione e coreografie William Forsythe, musiche Morton Feldman, Jean-Philippe Rameau, Hippolyte et Aricie. Interpreti Brigel Gjoka, Jill Johnson, Christopher Roman, Parvaneh Scharafali, Riley Watts, Rauf “RubberLegz” Yasit e Ander Zabala, produzione Sadler’s Wells London, co-produzione Théâtre de la Ville, Théâtre du Châtelet e Festival d’Automne di Parigi, Festival Montpellier Danse 2019, Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, The Shed di New York, Onassis Cultural Centre-Athens, deSingel international arts campus di Anversa.
Sadler’s Wells Productions. William Forsythe
A Quiet Evening of Dance
di William Forsythe
e Brigel Gjoka, Jill Johnson, Christopher Roman, Parvaneh Scharafali, Riley Watts, Rauf “RubberLegz“ Yasit e Ander Zabala

Co-produzione : Théâtre de la Ville, Théâtre du Châtelet e Festival d’Automne di Parigi; Festival Montpellier Danse 2019; Les Théâtres de la Ville de Luxembourg; The Shed, New York; Onassis Cultural Centre-Atene; deSingel international arts campus, Anversa.

Debutto: Sadler’s Wells, Londra, 4 ottobre 2018
Vincitore del premio FEDORA - VAN CLEEF & ARPELS Prize for Ballet 2018

Danzatori: Brigel Gjoka, Jill Johnson, Christopher Roman, Parvaneh Scharafali, Riley Watts, Rauf “RubberLegz“ Yasit, Cyril Baldy (sostituto di Ander Zabala per il tour di febbraio 2019)
Compositore/Musica: Morton Feldman, Nature Pieces from Piano No.1. From, First Recordings (1950s) – The Turfan Ensemble, Philipp Vandré © Mode (per Epilogue)
Compositore/Musica: Jean Philippe Rameau, Hippolyte et Aricie: Ritournelle, da Une Symphonie Imaginaire, Marc Minkowski & Les Musiciens du Louvre © 2005 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin (per Seventeen/Twenty One)
Design luci: Tanja Rühl e William Forsythe
Design costumi: Dorothee Merg e William Forsythe
Tecnico del suono: Niels Lanz