Sopra Villa Spalletti; sotto il sindaco di Casalgrande Vaccari e il casting che si è tenuto ieri al Tecnopolo
Sopra Villa Spalletti; sotto il sindaco di Casalgrande Vaccari e il casting che si è tenuto ieri al Tecnopolo

Casalgrande (Reggio Emilia), 28 marzo 2019 -  Grande fermento a CasalgrandeVilla Spalletti, che si trova a San Donnino di Liguria, è stata scelta come set per un’importante fiction tv: ‘La guerra è finita’, opera diretta da Michele Soavi e prodotta da Palomar, la casa cinematografica fondata da Carlo degli Esposti che ha una sede al Tecnopolo di Reggio. Ambientata negli anni successivi alla Seconda guerra mondiale, la fiction narra il percorso di reinserimento di bambini traumatizzati dall’evento bellico. Terminata la guerra vengono rieducati alla vita civile in un istituto, ambientato a Villa Spalletti.

Palomar è famosa per aver già realizzato successi planetari come il «Commissario Montalbano» , «Braccialetti Rossi» e «Il Nome della Rosa». Ora è in preparazione il grande evento che coinvolgerà Villa Spalletti, con il suo immenso parco e le zone circostanti. È stata già avviata la macchina organizzativa per selezionare giovani attori e personale specializzato quali assistenti di produzione, scenografia, truccatori, parrucchieri.

Ieri davanti alla sede reggiana di Palomar c’erano anche diversi casalgrandesi che, rispondendo all’appello lanciato dalla casa cinematografica, in fila per fare domanda di poter lavorare alla fiction: chi per un posto da assistente e chi per prestare opera di elettricista, falegname o costumista, fino alla possibilità di recitare.

«Appena avuta la conferma di un’ulteriore selezione di personale - dice il sindaco Alberto Vaccari - abbiamo pubblicato sul sito del comune l’indicazione dell’appuntamento, segnalando le mansioni richieste. Abbiano voluto rilanciare l’appello della casa cinematografica con la speranza di poter dare questa opportunità lavorativa a molti nostri concittadini».

Fra i protagonisti del film vi sarà, seppur indirettamente, anche il municipio, individuato dalla casa cinematografica come sede logistica e amministrativa del film. «Metteremo a disposizione alcuni locali – prosegue il sindaco –. Per il territorio di Casalgrande è un grande onore ospitare un’iniziativa imprenditoriale di questo tipo, che unisce la qualità del racconto a una produzione cinematografica di grande livello, riconosciuto in Italia e all’estero. Un veicolo straordinario di promozione delle nostre terre. Il film non coinvolgerà solamente villa Spalletti, ma anche alcuni immobili presenti nelle vicinanze: la tenuta con il suo esterno si presenta come un paesaggio bellissimo ed incontaminato. Le riprese potranno estendersi a 360 gradi in quanto nelle vicinanze non vi sono edifici recenti che possano interferire con l’ambientazione della storia».

Le riprese, in programma da maggio ad agosto, prevederanno, in certi momenti, la chiusura delle strade limitrofe alla villa.