"Acqua pubblica, così non va"

Cuccurese (Sinistra unita) contesta la costituzione di Arca

"Acqua bene comune? Non a Reggio e provincia". Così il consigliere Natale Cuccurrese (Sinistra Unita) sintetizza la sua contrarietà alla costituzione della società Arca (affidamento a privati del servizio idrico integrato), e alle modalità con cui l’amministrazione comunale castellese ha informato i cittadini, negando il tempo per capire di cosa si tratti e presentare osservazioni. "Ritengo che la proposta di società pubblico-privato con gestore privato non soddisfi quanto chiesto e approvato col referendum popolare del 2011", sottolinea Cuccurrese. Sul tema ha presentato un’interrogazione che sarà discussa nel consiglio comunale di mercoledì prossimo, in cui si legge che il 29 maggio è stato inserito sul sito del Comune l’articolo: "Consultazione pubblica per costituzione società Arca", con numerosi allegati, in cui si diceva che osservazioni eo proposte si potevano presentare entro il 7° giorno successivo (5 giugno). Non solo: "L’esposizione della delibera in Albo pretorio dal 26 maggio al 10 giugno non soddisfa i criteri di ampia pubblicità - sottolinea il consigliere -. Solo il 5 giugno inoltre ho ricevuto per mail la locandina sulla "consultazione", prevista per la sera dopo a Puianello".

Francesca Chilloni