Reggio Emilia, 3 luglio 2019 - Appuntamento al tribunale di Reggio Emilia per gli interrogatori di garanzia delle persone raggiunte da misura cautelare nell'ambito dell'operazione 'Angeli e demoni'. Davanti al giudice Luca Ramponi (FOTO) il primo a comparire è stato il sindaco Andrea Carletti di Bibbiano (VIDEO), ai domiciliari per abuso d'ufficio e falso ideologico.

LEGGI ANCHE Affidi illeciti Reggio Emilia, quei regali mai dati ai bimbi

false

Andrea Carletti, assistito dall'avvocato Giovanni Tarquini (VIDEO), ha deciso di rispondere alle domande del giudice. Il suo interrogatorio è durato oltre due ore. Carletti è stato interrogato dal gip Luca Ramponi e dal pm Valentina Salvi. L'avvocato di Carletti, Giovanni Tarquini, ha chiesto la revoca della misura cautelare e ha assicurato che il suo cliente ha fornito chiarimenti sulla sua posizione. Il gip si è riservato di decidere ma il suo parere è condizionato a quello della pm che si è presa un paio di giorni per decidere.

In tribunale è arrivato anche Claudio Foti (VIDEO), psicoterapeuta del centro studi di Torino 'Hansel e Gretel', pure lui ai domiciliari. Oggi, oltre al primo cittadino e allo psicoterapeuta, dovevano essere ascoltati altri 5 indagati che sio sono avvalsi della facoltà di non rispondere. 

image

Arrivano gli ispettori

Intanto gli ispettori del ministero della Giustizia guidati dal capo dell'ufficio, Andrea Nocera, sono in queste ore al tribunale dei Minori di Bologna e più tardi saranno alla procura di Reggio Emilia. L'iniziativa, su impulso del Guardasigilli, Alfonso Bonafede, è legata alla vicenda degli affidi illeciti.

Il ministro della Giustizia

"Stiamo vigilando sull'operato della magistratura e stiamo analizzando i dati che arrivano sul caso". Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede nel question time alla Camera, in merito alla recente inchiesta degli abusi e affidi illeciti. "Stiamo ipotizzando di incrociare i dati che arrivano agli uffici giudiziari per verificare in maniera stringente l'andamento delle situazioni degli affidi ai minori e individuare le situazioni critiche - ha aggiunto Bonafede -. Non ci sarà nessuno sconto da parte della giustizia".