Antonio Lamberti muore cadendo nei liquami della sua azienda agricola
Antonio Lamberti muore cadendo nei liquami della sua azienda agricola

Carpineti (Reggio Emilia), 22 febbraio 2021 - Triste domenica ieri per la comunità di Carpineti che, al risveglio, ha appreso subito la notizia di una tragedia che ha avuto il suo epilogo nel buio della notte: l’agricoltore 60enne Antonio Lamberti, da tutti conosciuto come Tonino – che con il fratello Roberto si occupava dell’azienda agricola di famiglia sita a Poiago di Carpineti –, per cause accidentali al vaglio dell’autorità giudiziaria, è deceduto dopo essere caduto nella vasca di liquami accanto alla stalla di loro proprietà.

La dinamica dell’infortunio agricolo, dovuto probabilmente a una caduta accidentale, manifesta tutta la sua drammaticità anche perché avvenuto in un’ora di notte non ben precisata, complice il buio e la troppa confidenza con l’ambiente attorno. Solo ieri mattina di buonora, quando Roberto ha iniziato l’attività della stalla con la cura delle mucche, non vedendo il fratello Tonino, che era sempre il primo ad andare nella stalla e l’ultimo a venirne via, si è preoccupato e ha iniziato a cercarlo in ogni luogo attorno all’aziende.

Purtroppo ieri mattina verso le 6,30, quando non era ancora giorno, la drammatica scoperta di una grata della vasca dei liquami della stalla fuori posto, non ha lasciato dubbi: l’agricoltore 60enne era lì dentro privo di vita, probabilmente morto per annegamento e per asfissia a seguito della formazione di gas.
La disperazione del fratello Roberto ha richiamato, oltre ai figli, anche altre persone che, accorse sul posto, si sono subito rese conto che per l’agricoltore 60enne Tonino non c’era più nulla da fare.
Allertato il 112 carabinieri, sono intervenuti sul posto i militari della stazione di Carpineti che congiuntamente al personale della Medicina del Lavoro dell’Asl – Distretto di Scandiano – hanno appurato che Tonino Lamberti era finito all’interno ella vasca di liquami con conseguente decesso. Sul posto i carabinieri della locale stazione locale supportati dai colleghi della forestale di Carpineti e i vigili del fuoco di Castelnovo Monti. Sul posto anche i funzionari della medicina del lavoro e personale sanitario del 118.

I vigili del fuoco di Castelnovo Monti hanno recuperato la salma, calandosi all’interno della cisterna: uno di loro grazie a una muta stagna e un respiratore è riuscito ad agganciare il corpo senza vita dell’agricoltore per poi fissarlo alle corde per estrarlo dal pozzo.
Tonino Lamberti, nato a Carpineti il 27 maggio 1960, non era sposato e viveva su un piano diverso della stessa casa dove viveva il fratello Roberto, sposato con quattro figli. Entrambi i fratelli Lamberti si dedicavano all’azienda agricola di Poiago, un’attività impegnativa con oltre 200 capi di bovini. Tonino amava il suo lavoro la stalla era come una casa. La salma, recuperata dalle pompe funebri Corsini, è stata posta all’obitorio dell’ospedale di Castelnovo Monti a disposizione della Magistratura.