Scarpette bianche a Bibbiano dopo le rivelazioni dell'inchiesta Angeli e Demoni (Ansa)
Scarpette bianche a Bibbiano dopo le rivelazioni dell'inchiesta Angeli e Demoni (Ansa)

Reggio Emilia, 10 febbraio 2020 -  I tantissimi messaggi via chat estrapolati dai telefonini sequestrati agli indagati dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sui presunti affidi illeciti di bambini nella Val d'Enza reggiana ha rafforzato il quadro investigativo e ha dato vita ad altri filoni di indagine, da sviluppare.

Dalle conversazioni tra gli indagati e non, sono emersi infatti nuovi dettagli e ulteriori casi, il che ha portato ad ampliare lo sguardo rispetto agli otto minorenni al centro dell'ordinanza di custodia cautelare emessa a giugno.

Per quanto riguarda il riferimento a un "ex brigatista" di cui parlano in una chat del 2015 l'ex dirigente del servizio sociale Federica Anghinolfi e la psicologa Imelda Bonaretti, a quanto pare non ci sarebbero riscontri precisi su chi possa essere. Non è escluso che la vicenda possa essere chiarita con approfondimenti, ma in ogni caso sembra essere l'unica volta che questo personaggio appare negli atti dell'inchiesta. Entrambe sono indagate nell'inchiesta chiusa dalla Procura di Reggio Emilia con 26 avvisi di fine indagine.

Ecco l'intercettazione finita sotto la lente degli inquirenti, riportata dall'agenzia Ansa: "Ohi Fede... però chi glielo dice al giudice" che il bambino "lo mandiamo all'ex brigatista? Io non mi attento" a dirlo. Le frasi sono in una chat del maggio 2015, agli atti dell'inchiesta 'Angeli e Demoni'. La domanda è la Bonaretti a cui segue la risposta della Anghinolfi. "Mica lo sa. E la pena l'ha scontata". 

Privilegiare l'assunzione di assistenti sociali vittime di abusi sessuali nel loro passato. Anche di questo parlava l'ex dirigente del servizio sociale Anghinolfi, stavolta con una dirigente del Comune di Bibbiano. In una chat Anghinolfi si riferiva a un concorso per assistenti sociali e su eventuali quesiti. "Cosa ne dici - scriveva Anghinolfi - se nel titolo mettiamo ad esempio... assistente sociale di 35 anni abusata sessualmente dallo zio in età infantile, i genitori non le hanno creduto... si trova a lavorare su una segnalazione informale di una insegnante che le riferisce che una bimba le ha confidato" di aver subito un abuso. E "come si muoverebbe l'assistente sociale sulla situazione e come gestirebbe il suo segreto personale". Risposta: «Mi sa molto hard... in due ore non ce la si fa (...) Tu vuoi infilare la parte psicologica personale dentro la professione. (...) Ma secondo me dovremmo
metterla giù diversa", diceva la dirigente, invitando a fare un'altra proposta. 

In un'altra chat emerge la richiesta di esplicitare meglio, in una relazione da inviare all'autorità giudiziaria minorile, in che modo il malessere di un minore derivasse dalla famiglia di origine. Altrimenti, il giudice in questione non lo
avrebbe compreso perché "tonto". La sollecitazione che arriva alla psicologa Bonaretti da un'utenza che gli inquirenti di 'Angeli e Demoni' attribuiscono alla Anghinolfi. Le due, a ottobre 2015, parlavano di una revoca di un provvedimento di allontanamento del minore, che si vorrebbe scongiurare. "Io lascio intendere... (...) comunque il quadro è grave, piccola antisociale cresce", scriveva Bonaretti. Risposta: "Ma" quel giudice "è molto tonto. Non intende. Forse una spiegazione tecnica sarebbe auspicabile. Sai tipo quelle relazioni da ctu". Bonaretti: "Eh, magari provo a rendere più esplicita quella frase". 

E ancora, dai messaggi traspare la convinzione dell'esistenza di una setta di pedofili attiva nella Val d'Enza. "Fuori tutto si sta sgretolando per lasciare spazio alla nuova luce che dentro e fuori di noi già si intravede", scriveva
Anghinolfi a luglio 2017, chattando con una dirigente del Comune di Bibbiano. E ancora: "Affinché tutto questo non crei problemi bisogna assolutamente andare a scuola di silenzio e di stand by... permettete alla vostra terra interna di accogliere il fuoco della trasformazione nella calma più totale... (...) Ho interrotto il mio silenzio perché mi sembrava giusto informarvi dell'ingresso della terra yin cosa che ho sempre fatto...".

Da altri messaggi, appuntano gli investigatori, emerge appunto l'ipotesi e la convinzione, da parte di Anghinolfi, della presenza di una sorta di setta di cui sarebbe rimasto vittima il piccolo Tommaso Onofri, il bimbo rapito e ucciso a marzo 2006 nel Parmense. Una circostanza di cui non è mai stato trovato riscontro.

In un'altra conversazione, sempre Anghinolfi, parlando con un affidatario a dicembre 2016, si diceva "preoccupata per il fenomeno dilagante della pedofilia". Risposta: "E forse è sempre stato così. Sai quanti abusi e maltrattamenti escono nelle costellazioni?".