Il pm Valentina Salvi ha chiesto e ottenuto dal gip l’archiviazione per padre e madre
Il pm Valentina Salvi ha chiesto e ottenuto dal gip l’archiviazione per padre e madre

Bibbiano (Reggio Emilia), 14 settembre 2019 - Un provvedimento del gip Luca Ramponi spiana la strada a una coppia reggiana perché possa riabbracciare il figlio, che ora è ospitato in un’altra famiglia dopo l’intervento dei servizi sociali della Val d’Enza. Il caso del minorenne, che ha nove anni, confluito nell’inchiesta ‘Angeli e demoni’ sui presunti affidi illeciti è arrivata ora a un importante snodo giudiziario. Il padre e la madre del bambino erano stati indagati per corruzione di minorenni (chi compie atti sessuali in presenza di minore di 14 anni, per farlo assistere). A seguito dell’azione dei servizi sociali il 30 aprile 2015, il tribunale dei minori di Bologna dispose l’affidamento del minore agli stessi servizi e, nel febbraio 2016, la collocazione in un’altra famiglia. L’8 marzo 2018 il pm Stefania Pigozzi depositò richiesta di archiviazione sul presunto abuso sessuale commesso dal padre e, secondo le presunte rivelazioni fatte dal bambino agli affidatari, ‘coperto’ dalla madre.

false

Secondo quanto ricostruito nell’ordinanza di applicazione di misure coercitive del gip Ramponi, emerge che nella relazione dell’assistente sociale Francesco Monopoli, del 14 maggio 2018, trasmessa con lettera della responsabile dei servizi Federica Anghinolfi, si sosteneva che il bambino gli avesse confidato di aver subito abusi dal padre. In quella della collega Sara Gibertini, del 26 agosto 2017, si spiegava che il bambino aveva riferito agli affidatari che la madre compiva atti sessuali davanti a lui.

LEGGI ANCHE Bibbiano, cosa è successo. Nomi e accuse dell'indagine sugli affidi

Per il caso del bambino sono stati indagati, a vario titolo - falsità ideologica, violenza privata, frode processuale, falsa perizia - diverse figure confluite nell’indagine: Anghinolfi, Gibertini, Monopoli e la psicoterapeuta di Torino Nadia Bolognini, accusata anche di essersi travestita da lupo cattivo davanti al piccolo associandolo al padre. Secondo gli inquirenti, Monopoli avrebbe focalizzato l’attenzione sul procedimento penale del padre per ottenere che il bambino, sentito in incidente probatorio, rendesse dichiarazioni su quegli atti di violenza, per usarle nell’udienza fissata davanti al gip reggiano a seguito dell’opposizione da parte dei servizi sociali alla richiesta di archiviazione avanzata dal pm. Monopoli è anche accusato di aver contattato direttamente un giudice onorario convincendolo che il quadro degli abusi patiti dal minore fosse pesantissimo, ma omettendo di riferire che la Procura reggiana aveva chiesto l’archiviazione del procedimento.

false

E, sempre a fine 2018, avrebbe contattato anche un altro giudice onorario convincendolo del benessere del minore dopo l’allontanamento dalla famiglia di origine, circostanza secondo gli inquirenti non veritiera. Lunedì si è svolta davanti al giudice Luca Ramponi un’udienza sui reati contestati ai genitori, assistiti dall’avvocato Nicola Termanini, per i quali il pm Valentina Salvi ha ottenuto l’archiviazione del reato loro contestato, decisa ieri dal gip. E nel frattempo il tribunale dei minorenni ha disposto una consulenza tecnica per valutare la loro capacità genitoriale nell’ottica di un possibile ritorno in famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA