Natalia Maramotti aveva lasciato in ottobre la guida dell’ente pubblico Destinazione Turistica Emilia
Natalia Maramotti aveva lasciato in ottobre la guida dell’ente pubblico Destinazione Turistica Emilia
di Settimo Baisi Novità per il comune di Ventasso che punta a nuovi obiettivi in campo turistico: l’avvocato Natalia Maramotti, ex assessora Pd alla sicurezza e commercio del Comune di Reggio e già presidente di ‘Destinazione Emilia’, è una nuova consulente per lo studio e lo sviluppo di progetti in ambito turistico nel comune di Ventasso. Lei stessa ha annunciato il suo nuovo lavoro su Facebook. Lasciata la presidenza di ‘Destinazione Turistica Emilia’ nell’ottobre dell’anno scorso, a novembre l’avvocatessa Maramotti ha partecipato al concorso del Comune di Ventasso relativo all’avvio di una selezione pubblica...

di Settimo Baisi

Novità per il comune di Ventasso che punta a nuovi obiettivi in campo turistico: l’avvocato Natalia Maramotti, ex assessora Pd alla sicurezza e commercio del Comune di Reggio e già presidente di ‘Destinazione Emilia’, è una nuova consulente per lo studio e lo sviluppo di progetti in ambito turistico nel comune di Ventasso. Lei stessa ha annunciato il suo nuovo lavoro su Facebook.

Lasciata la presidenza di ‘Destinazione Turistica Emilia’ nell’ottobre dell’anno scorso, a novembre l’avvocatessa Maramotti ha partecipato al concorso del Comune di Ventasso relativo all’avvio di una selezione pubblica per il conferimento di un incarico professionale per lo studio e lo sviluppo di progetti in ambito turistico. L’avviso pubblicato il 27 novembre aveva avuto come unica domanda, presentata il 4 dicembre, quella di Natalia Maramotti che, presentando un curriculum adeguato alla richiesta specificata nel bando, veniva scelta dalla commissione giudicatrice come assegnataria.

Tra gli obiettivi assegnati all’avvocatessa Natalia Maramotti, quelli della "ricerca di strumenti per l’attrattività del territorio", dello "sviluppo di idonee linee guida ai fini della realizzazione di progetti di promozione turistica che rappresentino il Comune di Ventasso nelle sue peculiarità". E inoltre: "Aggiornamento e ammodernamento delle metodologie di valorizzazione turistica e culturale nell’ambito del territorio attraverso il potenziamento degli strumenti di comunicazione".

Tutto questo dovrà essere realizzato attraverso accurate analisi, studi e relativi progetti, proposte di opportunità di finanziamento, ma anche l’organizzazione di focus group con gli stessi operatori turistici del territorio del Comune Ventasso, ma anche degli altri comuni dell’Unione. L’incarico si svolgerà tra gennaio e marzo 2021 e avrà un corrispettivo lordo di 3000 euro.

Per il sindaco del comune Ventasso, Antonio Manari, è un progetto innovativo di rilancio del turismo sul piano culturale e ambientale che risponde al bando del Ministero dei Beni Culturali che fissava al 29 gennaio il termine per la presentazione della documentazione necessaria. Capofila è il comune Ventasso, però il progetto si estende al territorio dei sei Comuni dell’Unione sotto i 5.000 abitanti (Ventasso, Villa Minozzo, Vetto, Carpineti, Casina e Toano, escluso Castelnovo Monti), al comune parmense Neviano degli Arduini e alcuni operatori privati locali.

"La Maramotti, l’unica che ha partecipato al concorso del nostro bando pubblico - afferma il sindaco Manari – e avendone i requisiti richiesti, ha avuto l’assegnazione dell’incarico da parte della commissione. Ha già fatto un buon lavoro di ricerca e coordinamento delle iniziative sul piano culturale ed ambientale che solitamente, in tempi normali, vengono attivate in modo disorganico nel nostro territorio. L’avvocatessa Maramotti ha preparato la documentazione richiesta e l’ha inviata entro il termine di scadenza al Ministero dei Beni Culturali. Adesso attendiamo la risposta e, se saremo ammessi, avremo la possibilità di ricevere contributi che possono arrivare a un massimo di 250 mila euro".