Domani è il giorno della Decauville: riaprirà il sentiero

Alle 9,30 la visita guidata lungo il percorso attraversato dalla ferrovia del 1915 che portava gli operai verso la grande diga

La storica e spettacolare ferrovia a scartamento ridotto costruita nel 1915 per agevolare l’edificazione della costruzione della Centrale Edison di Ligonchio e dei relativi bacini idroelettrici, torna ad essere un suggestivo sentiero a servizio di turisti e amanti del trekking con l’inaugurazione che si terrà domani. La buona notizia, che equipara questo percorso in comune di Ventasso ad altri europei, è stata resa possibile grazie a un accordo sottoscritto tra Enel, proprietario del tratto interessato, e Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano che ha realizzato il recupero del sentiero intercettando le risorse necessarie tramite un finanziamento del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, per un importo complessivo dei lavori è pari a 178.000 euro.

"La Decauville di Ligonchio è un percorso pedonale di grande valore storico e ambientale – spiega Fausto Giovanelli, presidente dell’ente Parco –. Riapre dopo lunghi anni di chiusura. In questo suggestivo percorso di innegabile fascino è la storia di una ferrovia che penetrava negli spettacolari Schiocchi dell’Ozola, tra il Cusna e il Monte Prado". Enel ha ereditato questo percorso da Edison l’ha voluto consegnare al Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano per la messa in sicurezza e la sua gestione.

Domani a Ligonchio è prevista l’inaugurazione. Alle 9.30 è prevista la visita guidata al percorso Decauville, con ritrovo in piazza (sotto al campanile). Quindi alle 12 ci si trasferirà presso il Rifugio dell’Aquila per una breve conferenza. L’illustrazione del progetto di messa in sicurezza sarà a cura dell’ingegner Filippo Dallagiacoma. Dopo la pausa pranzo, alle 15, a 50 anni dalla prima pubblicazione di “Interpretare il nostro patrimonio” di Freeman Tilden, interverrà Vanessa Vaio coordinatrice di Interpret Europe per l’Italia. Alle 16 appuntamento con “Le Guide e il Parco” riflessioni e idee sui progetti in corso.