Quotidiano Nazionale logo
6 gen 2022

"Era un tranello, mi ha preso a sprangate"

Gaetano Bruno Castaldo racconta l’aggressione subita a Villa Curta: "Da allora non posso lavorare". L’ombra di un rapinatore seriale

Gaetano Bruno Castaldo ora cammina con. una stampella:. gli hanno appena tolto il gesso al braccio
Gaetano Bruno Castaldo ora cammina con. una stampella:. gli hanno appena tolto il gesso al braccio
Gaetano Bruno Castaldo ora cammina con. una stampella:. gli hanno appena tolto il gesso al braccio

"Quando sono stato aggredito era il 23 novembre. Oggi, una volta metabolizzato il trauma, ho deciso di raccontarlo. È la prima volta che ne parlo pubblicamente, magari la mia storia può essere utile a qualche altra vittima". Parla così Gaetano Bruno Castaldo, residente a Reggio da trent’anni, dopo quasi due mesi dall’aggressione subita a Villa Curta, una violenza che ha lasciato conseguenze importanti sul piano fisico. Un fatto di cronaca che somiglia a quello avvenuto nella stessa zona il 12 novembre dell’anno scorso, quando un ciclista è stato aggredito da un uomo a volto scoperto che, minacciandolo con un bastone, gli ha rubato il portafoglio. Il timore è che nella zona, poco frequentata, si aggiri un rapinatore seriale. Era pomeriggio, Castaldo finisce di lavorare alle 17.20 circa e si dirige in auto verso una farmacia per un tampone prenotato alle 18: "Mi reco sulla via Emilia, vicino alla mensa San Maurizio, dal sottopasso. C’era un’interruzione, ho dovuto fare un’altra strada. Mi sono ritrovato a Villa Curta, sulla strada che fiancheggia la tangenziale". A causa di questa deviazione, Castaldo ancora non può lavorare per l’infortunio: "Non vedevo bene, era scuro. Ma ho notato una bicicletta, di fianco c’era un uomo a terra, ho visto solo che era un ragazzo di colore. Ho fermato l’auto perché ho pensato che il ragazzo stesse male, con il cellulare almeno avrei potuto chiamare i soccorsi", racconta. Ma Castaldo non si sarebbe mai aspettato ciò che è successo poco dopo: "Appena mi sono avvicinato mi è sorto il dubbio. Ho pensato ’c’è qualcosa che non quadra’", continua l’operaio reggiano, che descrive un uomo inginocchiato come se si fosse un corridore pronto a scattare, come si vede nelle competizioni sportive. Poi, in un attimo, il peggio: "Il ragazzo, nel buio e in una strada poco trafficata, ha ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?