Giovani ’Greentosi’: il progetto per ridurre la produzione di rifiuti

La Giunta Comunale di Rio Saliceto ha approvato il progetto 'Greentosi 3', che coinvolge giovani tra 11 e 16 anni in azioni di riduzione dei rifiuti e riuso dei materiali. Il progetto prevede 3 fasi ed è stato candidato al bando di Atersir. Costo: 19 mila euro.

La giunta comunale di Rio Saliceto ha approvato il progetto ’Greentosi 3’, con i giovani impegnati a ridurre la produzione di rifiuti attraverso l’economia circolare. Il progetto viene candidato al bando di Atersir per assegnare contributi e coinvolge giovani tra gli 11 e i 16 anni di età con azioni di riduzione dei rifiuti affiancate da attività di riuso. Tre le fasi previste. La prima, oltre all’aumento del numero di eco-volontari, punta alla riduzione nell’uso della plastica e della carta, attraverso un nuovo erogatore di acqua in biblioteca, la distribuzione di 700 borracce riutilizzabili in alluminio nelle scuole e l’installazione di sei asciugamani elettrici al posto delle salviette. La seconda fase si concentrerà sul riciclo e il riuso con attività per illustrare tecniche di riutilizzo di materiali vari, fino al baratto dei giocattoli e al book crossing. La terza fase è dedicata alle iniziative scolastiche e pubbliche, ai workshop e agli approfondimenti per studenti e cittadini, come occasioni di confronto e sensibilizzazione sui temi oltre che di strumento per la restituzione pubblica dei risultati ottenuti. Il costo del progetto, comprensivo della gestione delle attività e dei materiali, ammonta a poco meno di 19 mila euro, esclusa l’Iva. Iniziative di ’Greentosi’ sono state proposte tra il 2028 e il 2020, poi interrotte nel periodo dell’emergenza sanitaria.

a. le.