Gualtieri, dopo l'arresto, i residenti cercano una soluzione definitiva

I residenti di Gualtieri sono in allarme dopo l'arresto di un 39enne, temendo il suo ritorno. Autorità comunali e servizi sociali cercano una soluzione per allontanarlo definitivamente dal quartiere.

Gualtieri, dopo l'arresto, i residenti cercano una soluzione definitiva

Gualtieri, dopo l'arresto, i residenti cercano una soluzione definitiva

Dopo l’arresto del 39enne di Gualtieri – che aveva provocato terrore e paura in un intero quartiere tra scorribande in auto, minacce e soprattutto l’apertura di bombole di gas in cantina che avevano fatto temere una disastrosa esplosione – i residenti nella zona di via Di Vittorio tirano un sospiro di sollievo per l’assenza di quell’uomo, da anni ritenuto un potenziale pericolo. Ma se con il suo arresto la situazione nel quartiere sembra tornata tranquilla, già si guarda al futuro, quando l’uomo potrebbe tornare in libertà.

Per questo, anche attraverso le normative sull’agibilità strutturale dell’alloggio, i residenti con autorità comunali e servizi sociali stanno cercando di trovare una soluzione che possa allontanare in modo definitivo quell’uomo dal quartiere, dove in molti non si sentono al sicuro con lui nei paraggi.

Dopo l’episodio della possibile esplosione, che ha portato all’ipotesi di tentata strage, i residenti si erano riuniti in municipio col sindaco per cercare soluzioni. Poi sono scattati gli arresti domiciliari per una vecchia sentenza e il trasferimento in cella.