Il cantiere ancora aperto. L’amministrazione: «Lamentele inevitabili e comprensibili»
Il cantiere ancora aperto. L’amministrazione: «Lamentele inevitabili e comprensibili»
di Francesca Chilloni Polemica per il prolungamento della chiusura al traffico di via Guardanavona, cha ha stravolto la viabilità nel quartiere di san Nicolò e zone circostanti. Qui un’impresa edile sta occupandosi del rifacimento dell’attraversamento pedonale rialzato. Il termine delle opere era inizialmente previsto per il 28 di maggio, poi è slittato alla seconda decade di giugno ed ora l’amministrazione comunale fa sapere che "per imprevisti di cantiere i...

di Francesca Chilloni

Polemica per il prolungamento della chiusura al traffico di via Guardanavona, cha ha stravolto la viabilità nel quartiere di san Nicolò e zone circostanti. Qui un’impresa edile sta occupandosi del rifacimento dell’attraversamento pedonale rialzato. Il termine delle opere era inizialmente previsto per il 28 di maggio, poi è slittato alla seconda decade di giugno ed ora l’amministrazione comunale fa sapere che "per imprevisti di cantiere i lavori non termineranno prima del 23 giugno".

Con l’intervento si intende rallentare ulteriormente la velocità di transito degli automezzi lungo la vita in corrispondenza con l’ingresso della scuola elementare Rodari. "Inevitabili e comprensibili le lamentele dei cittadini residenti", ammette l’amministrazione comunale scusandosi, ed assicurando che "il monitoraggio dei lavori è stato e continuerà ad essere costante".

Procederebbero invece spediti i lavori di allestimento del cantiere per la ristrutturazione dell’edificio scolastico, un intervento molto atteso non solo dalle famiglie con figli in età scolare ma da tutti i cavriaghesi, stanchi di vedere quella fetta di paese in preda al degrado. La "Società Cooperativa Consorziata Cear", vincitrice del maxi appalto, domani installerà installata la gru di cantiere e nei giorni successivi inizieranno le opere di demolizione della copertura: il tetto infatti verrà rifatto, nell’ambito delle opere antisismiche e di efficientamento energetico. La ditta "F.lli Azzoni" ha iniziato i lavori di adeguamento dell’impianto antincendio di tutta l’area ex Cremeria Emiliana.

Dal Comune illustrano il progetto: "Sarà realizzato un anello sotterraneo per portare l’acqua, in caso di incendio a tutti gli edifici presenti nell’area e sarà installato un nuovo impianto di pompaggio per poter avere la corretta portata e pressione nell’impianto antincendio". "Il cantiere - afferma la sindaca Francesca Bedogni - è un’organizzazione complessa. Ci sono routine e procedure che, per quanto consolidate e prevedibili, vanno continuamente aggiustate. Io che non sono un’addetta ai lavori, ogni giorno mi scontro con questa complessità, ma nessuno tra noi amministratori e tra i tecnici ha perso la volontà di continuare questo lungo e avvincente progetto di riqualificazione delle nostre scuole, delle nostre strade e delle nostre opere pubbliche".