Il ladro tifa Milan Ruba e si dà alla fuga, ma la maglia lo tradisce

I carabinieri arrestano per rapina impropria un giovane nordafricano. Aveva spintonato il responsabile della Coop Meridiana per darsi alla fuga.

Il ladro tifa Milan  Ruba e si dà alla fuga,  ma la maglia lo tradisce

Il ladro tifa Milan Ruba e si dà alla fuga, ma la maglia lo tradisce

Mai mettersi una maglia troppo vistosa se si ha intenzione di andare a rubare. Chissà se avrà capito la lezione il ventenne tunisino, Ben Arbia Seifeddine (precedenti per furto e violenza sessuale), che l’altro ieri, dopo aver preso una pizza e una bibita dagli scaffali del supermercato Coop del Meridiana, ha cercato di nasconderle sotto la maglia, si è diretto verso l’uscita di emergenza, è stato scoperto dal direttore della struttura e l’ha spintonato nel tentativo di sottrarsi alla cattura. Il responsabile dell’esercizio si è messo all’inseguimento del ragazzo e nel frattempo ha contattato il 112 dando una dettagliata descrizione del ladro in fuga.

Non è stato molto difficile. Il fuggitivo indossava una vistosa maglietta del MIlan: una scelta che certo fa a un pugni col mimetismo e che ora darà origine alle inevitabili battute tra colleghi ("se il ladro avesse avuto una maglia deldella.....nessuno ci avrebbe fatto caso").

La pattuglia dei carabinieri della stazione di Santa Croce, in servizio perlustrativo ha fermato il ragazzo a pochi metri dal supermercato, mentre stava salendo su un bus, trovandogli addosso i prodotti che aveva appena rubato all’interno del supermercato. Ieri, difeso dall’avvocato Andrea Davoli, è stato processato con rito abbreviato e condannato a un anno e 4 mesi, pena sospesa. E’ già a piede libero.