’Il piacere dell’attesa’: a Castelnovo la nuova commedia di La Ginestra

È un testo divertente, garbato ed emozionante. "Una riflessione sul passare del tempo e sull’importanza del confronto con gli altri"

’Il piacere dell’attesa’: a Castelnovo la nuova commedia di La Ginestra

’Il piacere dell’attesa’: a Castelnovo la nuova commedia di La Ginestra

Nell’ambito della stagione

di prosa, va in scena "Il piacere dell’attesa", stasera alle 21 al teatro Bismantova di Castelnovo Monti, con Michele La Ginestra, Federica de Benedittis e Francesco Stella, diretti dalla regia di Nicola Pistoia.

Dopo essere stata riposta nel cassetto forzato della pandemia, vede finalmente la luce la nuova commedia di Michele La Ginestra, con un testo divertente, garbato ed emozionante.

Tre i personaggi. Giacomo è un giardiniere che vive in un suo regno magico, quello del suo vivaio: il tempo gli viene dettato dalla natura, per lui l’attesa non è sinonimo di frenesia, ma semplicemente fa parte del ciclo biologico. Parla con le piante, canta con loro, ha la possibilità, durante l’attività manuale, di riflettere sul senso delle cose…

Un privilegiato. Nel suo mondo piomba all’improvviso Camilla, 40 anni, donna in carriera sempre al lavoro, anche quando potrebbe essere in pausa. Il cellulare, ormai diventato una protuberanza del braccio, è collegato costantemente con mille universi lavorativi diversi.

Poi c’è Gianluca, assistente di Giacomo, che vive un’esistenza cadenzata dai "tempi della routine" condizionati dalla madre.

I tre universi si incontrano, si scontrano, si confrontano, fino ad arrivare ad una soluzione finale, che può sembrare anacronistica.

Una riflessione sul "passare del tempo" e sull’importanza del confronto con gli altri, che vuole spingere, tra una risata ed un sorriso, a riconsiderare le "priorità" della nostra vita.