Il sindaco Spanò alle scuole medie per ascoltare i desideri dei cittadini di domani

Un progetto di educazione civica ideato da docenti e amministrazione.

Il sindaco va in classe per un confronto diretto con gli studenti per parlare insieme della conoscenza del territorio, delle regole dello stare insieme e, soprattutto, per sapere cosa si aspettano i ragazzi dal paese e cosa potrebbe migliorare la qualità della loro vita. È partito dalle classi terze della scuola media "Campeginesi di domani", un progetto di educazione civica ideato e sviluppato grazie alla collaborazione tra corpo docente e amministrazione, che ha visto ieri mattina il primo cittadino Alessandro Spanò e l’assessora alla scuola Cecilia Mazzali incontrare tre classi in tre momenti distinti, di circa un’ora l’uno. "C’è stata una risposta positiva da parte degli alunni, che hanno posto numerose domande, dimostrando forte interesse sui temi trattati", commentano dal Comune. È stata mostrata una cartina del paese sulla quale hanno indicato i posti più frequentati dai giovani, e sono state illustrate le principali peculiarità del territorio campeginese. Ma non solo: sindaco e assessora hanno citato personaggi e vicende che hanno caratterizzato la storia di Campegine: "Possiamo così ascoltare la voce dei ragazzi e raggiungere un duplice obiettivo: confrontarsi con le generazioni più giovani e svolgere un’attività di prevenzione del disagio che si può manifestare". Francesca Chilloni