"Non c’è nessun dialogo in piedi né con l’ingegnere Salvatore Salerno né con il suo avvocato. La giunta ha dato mandato al rappresentante legale del Comune di resistere alla causa sostenendo la bontà delle nostre azioni. Il dialogo sarà solo in tribunale". È l’eloquente replica dell’Amministrazione Comunale di Reggio alle parole dell’avvocato Federico Gualandi ("Aspettiamo un confronto col Comune per sbloccare la situazione, se l’esito fosse positivo revocheremo l’impugnazione") che ha presentato ricorso al Tar per conto di Azzurra Costruzioni dell’amministratore unico Salvatore Salerno riguardo al piano particolareggiato presentato nei primi anni 2000 per il quale venne autorizzato a costruire una quindicina di palazzine in via Plauto, a Pieve Modolena. Convenzione scaduta nel 2016 con l’’Amministrazione che nel 2018 ha adottato – e poi approvato in Consiglio il 24 febbraio scorso – una specifica variante al Rue bloccando il piano in città nell’ottica dello stop al consumo di suolo. Salerno ha chiesto un risarcimento in sede legale di oltre un milione di euro.