Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

La guerra del gas incide sulle imprese Unindustria: primi segnali negativi

Dopo una crescita costante, ora si notano le prime flessioni. "Serve mettere un tetto europeo al costo energia"

Guerra non solo guerreggiata, ma anche economica. E’ sempre più evidente che è sui mercati che si gioca una fetta grossa della partita a tre tra Russia, Ucraina e Nato. Ed ecco che anche l’indagine di Unindustria mostra i primi effetti di questa nuova cortina di ferro che si sta alzando nel cuore dell’Europa.

Sul primo trimestre 2022 si rilevano infatti segnali di rallentamento dell’attività delle imprese del territorio dovuti agli ulteriori forti rincari energetici e delle materie prime, agli sviluppi dell’invasione dell’Ucraina, oltre che della diffusione della variante Omicron del Covid. Nello specifico, la crescita della produzione industriale si è fermata al 9,5%, rispetto all’analogo periodo del 2021. In questo caso va rilevato che il confronto è avvenuto con un trimestre che era ancora profondamente condizionato dalla pandemia. Analogo l’andamento del fatturato, che nel trimestre segna un incremento del 10,5% su base annuale. L’occupazione nel settore manifatturiero resta sostanzialmente stabile rispetto a fine anno. I giudizi degli imprenditori sulla situazione economica generale sono peggiorati rispetto al trimestre precedente, soprattutto in connessione con il conflitto russo-ucraino.

Mauro Macchiaverna, vicepresidente Unindustria, commenta: "Gli effetti della guerra si stanno ripercuotendo sulle economie occidentali. La Russia pesa solo per il 2,2% nell’export delle imprese reggiane, ma le sue vendite all’estero sono fortemente concentrate nelle materie prime, soprattutto energetiche: gas e petrolio. Nell’attuale contesto di fortissima incertezza, inoltre, non si possono escludere scenari ancora più sfavorevoli. Sosteniamo quindi l’azione che Confindustria sta facendo a livello nazionale e internazionale affinché vengano promossi nuovi interventi urgenti su gas, energie rinnovabili e a sostegno delle filiere dell’automotive e dei microprocessori. È necessario, lo ribadiamo, mettere un tetto al prezzo del gas a livello europeo per evitare così, all’origine, gli extraprofitti. Bisogna lavorare insieme con forza e coraggio per fare le scelte necessarie per la crescita del Paese".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?