Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

La legge, in realtà, esiste già dal 2012

In Italia fino ad oggi c’è una legge che prevede l’obbligo per esercenti e professionisti di accettare i pagamenti con Pos (quindi con carta di credito o bancomat), ma ancora non si applicano sanzioni per coloro che non rispettano tale norma. La data fissata per avere le sanzioni è il 30 giugno dopo che la questione è stata rinviata innumerevoli volte. Sono tenuti a dotarsi di un terminale di pagamento: commercianti

artigiani, attività di ristorazione, professionisti che esercitano in proprio e hanno un rapporto diretto con il cliente (ad esempio: avvocati, notai, commercialisti, medici),

attività ricettive come hotel, B&B e agriturismi.

L’obbligo di Pos è stato introdotto per la prima volta nel nostro Paese nel 2012 dal Governo Monti. Successivamente a gennaio 2014, il Ministero dello sviluppo economico stabiliva la soglia per l’accettazione dei pagamenti con carte di debito fissandola a 30 euro (al di sotto di questa cifra l’obbligo veniva meno).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?