Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 apr 2022

Magati, il Papa riceve gli operatori "Un momento indimenticabile"

I professionisti dell’ospedale hanno portato tre regali: "La benedizione, un camice e una punta di Parmigiano"

22 apr 2022
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco
L’incontro degli operatori del Magati con Papa Francesco

Gli operatori sanitari dell’ospedale di Scandiano ricevuti da Papa Francesco. La delegazione del Magati (tra cui il direttore dell’ospedale Cristina Incerti Medici, medici, infermieri e Oss che hanno operato nei reparti Covid) è stata ricevuta dal Santo Padre in udienza del mercoledì in Vaticano in piazza San Pietro. Con loro don Giuliano Guidetti, parroco di Casalgrande, Salvaterra e Dinazzano che durante l’emergenza sanitaria presta servizio nel reparto Covid. Papa Francesco si è soffermato a parlare con loro ringraziandoli calorosamente per i sacrifici fatti durante i mesi difficili della pandemia. La loro storia è finita anche sulle colonne dell’Osservatore Romano, organo di stampa della Santa Sede.

La coordinatrice infermieristica dei reparti Covid Flavia Bencivenni spiega che l’idea è nata "nell’ambito di uno dei tanti confronti di gruppo con don Giuliano Guidetti che ha seguito gli operatori e i pazienti ricoverati nei reparti Covid dalla seconda ondata. In un momento di sconforto, nel pieno dell’ondata pandemica, fra di noi pensavamo a organizzare qualcosa per sollevare il morale di tutti ed è venuta l’idea di andare a trovare il Papa che molti, anche non praticanti, hanno sentito vicino durante quei mesi terribili con le sue parole e il suo invito molto umano a stare uniti". Don Giuliano ha dunque iniziato a scrivere una trentina di mail al Vaticano chiedendo di ricevere il personale del nosocomio scandianese. E’ stato proprio don Giuliano a proporre agli operatori di fare tre regali a Papa Francesco.

La dottoressa Incerti Medici sottolinea che hanno così offerto al Papa "la nostra benedizione di gruppo, un camice con le nostre firme per entrare in reparto nel caso volesse farci visita e una punta di Parmigiano Reggiano per ricordargli da dove veniamo. Ha accettato di buon grado ed è stato un momento emozionante, indimenticabile".

Bergoglio ha ascoltato don Guidetti, ha chinato il capo e tutti gli operatori insieme l’hanno benedetto.

Matteo Barca

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?