Klodian Rama, un dipendente del distributore di metano che si trova al Quinzio
Klodian Rama, un dipendente del distributore di metano che si trova al Quinzio

Reggio Emilia, 8 ottobre 2021 - Con l’impennata del prezzo dei carburanti, il primo ad aumentare in modo spropositato è il metano. Prezzi alle stelle. Incredulità e tanta rabbia: sono queste le sensazioni di tutti quei consumatori che pensando di fare una scelta sostenibile e di investimento economico sono rimasti fregati. "Si lamentano tutti, gente disperata che ha appena comprato la macchina nuova per risparmiare e poi si ritrova a spendere più di prima. Lavoro qui da 33 anni e non mi è mai successo di assistere a un aumento così vertiginoso. E’ un problema per tutti, se non vendiamo più a rimetterci siamo anche noi dipendenti che rischiamo il posto di lavoro". Queste sono le parole di Klodian Rama, un dipendente del distributore di metano che si trova al Quinzio.

Aggiornamento Caro carburante in Emilia Romagna. Ecco quanto ci costerà

Il focus Prezzo metano auto, la stangata in Emilia Romagna

Prezzi carburante alle stelle: "Ecco perché"

"Metano a più di due euro, ho chiuso"

Ignazio Bauzone, responsabile del distributore, intanto racconta: "Siamo i primi a risentirne, i trend che ci sono adesso dell’aumento della materia prima sono tali per cui ci sono delle dinamiche che vedono un aumento del 60% negli ultimi tre giorni. Il pubblico non è certamente contento, ma come non lo siamo noi". Ad aumentare la rabbia sarà anche l’arrivo delle bollette domestiche che subiranno un’impennata. Il metano è quello che è incrementato di più, in alcuni distributori arriva anche a 2 euro al litro. "Purtroppo sono dinamiche che si muovono giorno per giorno", conclude Bauzone.

La situazione è delicata, una botta che è arrivata tutta d’un colpo, senza un minimo di preavviso. A confermarci il clima di tensione è Valentina Barberi, dipendente del distributore Eurocoop: "Siamo stati fermi per tre anni con lo stesso prezzo e ora nel giro di pochissimo si è quasi raddoppiato. Le persone sono giustamente arrabbiate, dall’oggi al domani i prezzi sono saliti incredibilmente. E’ una situazione di incertezza, non si sa se aumenteranno ancora e di quanto".

Metano auto, le associazioni: "L'aumento per ora non si ferma"

Ad essere colpiti gravemente non sono solo i cittadini ma anche le imprese di trasporto persone e merci. A parlarci di questa problematica è Agnese Crotti, la responsabile provinciale Cna degli autotrasportatori: "Il costo del carburante in Italia è il più elevato in Europa, con il lockdown abbiamo assistito a una diminuzione dei prezzi ma ora con la ripresa del lavoro sono saliti alle stelle – racconta – Il rincaro è arrivato all’improvviso, portando ulteriore sofferenza in un settore che è rimasto fermo per più di un anno e mezzo. Ad aggravare la situazione non è solo l’aumento del carburante ma anche i costi di manutenzione, per esempio i prezzi delle gomme. Spese che la committenza non ritratta e che rimangono così a carico degli autotrasportatori".

Affrontare questi costi in questo momento di ripresa è una dura botta. La portavoce degli autotrasportatori si dice molto preoccupata anche per il futuro di queste imprese: " Questi sbalzi di carburante sono un disincentivo per i giovani che si vogliono lanciare nell’impresa dei trasporti. Valutandone i costi e benefici non vedono un conveniente ritorno economico".