Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 mag 2022

Omicidio Toano, il nipote di Pedrazzini: "Gli avevano venduto pure il trattore"

Un nipote di Giuseppe Pedrazzini. "Chiamavamo, ma la figlia e la moglie ci rispondevano che stava bene. Speriamo nella giustizia"

16 mag 2022
settimo baisi
Cronaca
featured image
Il recupero del cadavere di Pedrazzini
featured image
Il recupero del cadavere di Pedrazzini

Reggio Emilia, 16 maggio 2022 - Un borgo fino a ieri inesistente, Cerrè Marabino, ed oggi alla ribalta della cronaca su tutti i mass media: troupe televisive che si arrampicano sulle strade dell’Appennino per raggiungere, non senza difficoltà, il pozzo improvvisamente diventato famoso quale tomba occulta di Giuseppe Pedrazzini. La gente del paese e dell’intero comune di Toano, sindaco Vincenzo Volpi compreso, ormai non ne può più di sentirsi chiedere da giornalisti in arrivo da ogni parte, come, quando e perché il bravo concittadino ’Bebbe’, suo amico, è finito nel pozzo. Omicidio Toano, le accuse: "Impedivano a Pedrazzini di uscire e chiamare i parenti" Nessuno degli interpellati e neppure i parenti stretti sono in grado di dare una risposta su una vicenda drammatica così lontana dal loro modo di pensare e agire. Sono proprio loro, amici e parenti di Beppe, che aspettano una risposta su ciò che è accaduto al povero Beppe, l’aspettano dalle forze dell’ordine e dalla magistratura impegnate nella ricostruzione di una vicenda che, al momento, presenta risvolti fortemente raccapriccianti, comunque sia andata. Il nipote Giordano è particolarmente, come tutti, addolorato per la fine che ha fatto lo zio Beppe. "Una persona meravigliosa che tutti amavano, –aggiunge –. Era un po’ che non riuscivamo comunicare con lui, però nessuno poteva immaginare che le tante storie raccontateci al telefono dalla figlia e dalla moglie, potessero nascondere una simile tragedia di cui loro potrebbero essere la causa. Lo dirà la magistratura, ma intanto nostro zio Giuseppe, una persone che voleva bene a tutti, non c’è più. Lui coltivava l’orto per le sue sorelle e i suoi nipoti. Era contento del suo trattore che gli serviva per andare nel bosco e fare qualche lavoretto. Anche quello glielo hanno venduto". Una riflessione, tra le tante, di una persona che conosce la gente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?