Pasini, nuova vita da assessore: "Restituisco qualcosa alla città"

Il nuovo responsabile di Rigenerazione urbana e sviluppo: "Le Ex Reggiane sono un polo attrattivo". E sull’avvicendarsi con Pratissoli in Studio Alfa: "In realtà quando io ero lì, lui è sempre stato in giunta".

Pasini, nuova vita da assessore: "Restituisco qualcosa alla città"

Pasini, nuova vita da assessore: "Restituisco qualcosa alla città"

Dall’esperienza in Iren e Studio Alfa, oggi Alfa Solutions, fino all’amministrazione comunale. Carlo Pasini, 64 anni nato e cresciuto a Reggio, è stato nominato assessore alla Rigenerazione urbana e allo Sviluppo sostenibile nella nuova giunta Massari, con deleghe a Urbanistica, Edilizia privata e Attività produttive.

Pasini, com’è che ha deciso di entrare in politica?

"È stata una scelta morale, potremmo dire. Ho avuto tante soddisfazioni da questa società e da aziende partecipate, sento di voler e poter dare qualcosa, mettendo in pratica la mia esperienza professionale che si può coniugare in due termini".

Quali?

"Sviluppo e sostenibilità. Più nello specifico come attrarre attività produttive, gestire strumenti urbanistici e piani di sviluppo, rimanendo in un contesto di sostenibilità. Il che racchiude il focus di tutte le mie deleghe".

Prima di Alfa Solution, lei ha lavorato anche in Agac ed è stato responsabile della divisione Rinnovabili di Iren. In che misura pensa che queste esperienze possano dare qualcosa in più alla sua attività politica?

"Lo sviluppo di una città è un tema dinamico, penso di poter dare un contributo rispetto allo stato attuale, posto che non si partirà da zero visto che sotto il profilo infrastrutturale e delle attività industriali sono già stati fatti grandi passi avanti. Per quanto riguarda Iren, sono stato anche responsabile dello sviluppo del teleriscaldamento, un servizio innovativo dal punto di vista ecologico che una quarantina di anni fa riguardava solo la nostra città e Brescia. La sostenibilità è un campo che coinvolge molti aspetti".

Per esempio?

"Le modalità di costruzione, il contesto di rivalutazione delle zone in cui si andranno a insediare. La giunta precedente ha attuato un Pug che prevede un percorso di sviluppo e insediamento di nuove aree produttive o residenziali, le manifestazioni di interesse sono in corso".

Quali sono le zone più gettonate?

"Senza dubbio le ex Reggiane catalizzano al momento il maggior interesse da parte degli investitori".

Tra l’altro, lei al Parco Innovazione ha lavorato fino a pochi giorni fa.

"L’ho visto nascere, in qualità di rappresentante di Iren, e poi l’ho vissuto da ‘inquilino’ con Alfa Solutions. Ho potuto rendermi conto in prima persona di come un sito come quello riesca a essere importante sia nella presentazione che nello sviluppo di un’azienda".

Dopo la presentazione della giunta sono state fatte allusioni sul legame tra l’amministrazione comunale e Studio Alfa, prima tramite il vicesindaco Alex Pratissoli e ora tramite lei. Come risponde?

"Studio Alfa è una realtà importante, di grande visibilità anche a livello nazionale, chiaramente è un laboratorio di formazione professionale importante. Detto questo, Pratissoli negli ultimi dieci anni è stato impegnato appunto in giunta, io negli ultimi sette ho lavorato come amministratore delegato: possiamo provenire dalla stessa società, ma le nostre carriere non si sono certo accavallate".

Giulia Beneventi