Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 lug 2022
26 lug 2022

"Per vivere meglio bisogna dialogare I monologhi sui social non sono produttivi"

26 lug 2022
Il vescovo. alla festa dem
Il vescovo. alla festa dem
Il vescovo. alla festa dem
Il vescovo. alla festa dem
Il vescovo. alla festa dem
Il vescovo. alla festa dem

Un percorso di confronti, di fede, un incontro tra punti di vista, nel nome degli orizzonti di Papa Francesco. Questo l’argomento del dibattito che ha visto partecipare il vescovo di Modena e Carpi, monsignor Erio Castellucci, intervistato da Giampaolo Ferretti e che ha visto la partecipazione di un numeroso e attento pubblico alla Festa del Pd di Sant’Ilario a Parco San Rocco.

"Avvicinarsi, esprimersi, ascoltarsi, guardarsi, conoscersi, provare a comprendersi, cercare punti di contatto, tutto questo si riassume nel verbo ‘dialogare’", ha ricordato monsignor Castellucci. "Per incontrarci e aiutarci a vicenda abbiamo bisogno di dialogare. Non c’è bisogno di dire a che serve il dialogo. Mi basta pensare che cosa sarebbe il mondo senza il dialogo paziente di tante persone generose che hanno tenuto unite famiglie e comunità. Il dialogo perseverante e coraggioso non fa notizia come gli scontri e i conflitti, eppure aiuta discretamente il mondo a vivere meglio, molto più di quanto possiamo rendercene conto. Alcuni provano a fuggire dalla realtà rifugiandosi in mondi privati, e altri la affrontano con violenza distruttiva, ma ‘tra l’indifferenza egoista e la protesta violenta c’è un’opzione sempre possibile: il dialogo. Il dialogo tra le generazioni, il dialogo nel popolo, perché tutti siamo popolo, la capacità di dare e ricevere, rimanendo aperti alla verità. Un Paese cresce quando dialogano in modo costruttivo le sue diverse ricchezze culturali: la cultura popolare, la cultura universitaria, la cultura giovanile, la cultura artistica e la cultura tecnologica, la cultura economica e la cultura della famiglia e la cultura dei media. Spesso – ha detto ancora il vescovo di Modena – si confonde il dialogo con qualcosa di molto diverso: un febbrile scambio di opinioni nelle reti sociali. Sono solo monologhi che procedono paralleli, ma i monologhi non impegnano nessuno",

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?