Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 ago 2022
4 ago 2022

Piazza Tannetum esplora i 5 sensi Ecco il progetto del nuovo giardino

Presentato nei giorni scorsi, la paesaggista Silvia Ghirelli ha ideato un percorso tutto da scoprire, tra colori e profumi

4 ago 2022
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum
Un’immagine del progetto per il giardino sensoriale di piazza Tannetum

C’è un progetto particolare per piazza Tannetum: lì infatti sarà realizzato un giardino sensoriale, nello spazio verde posto tra la piazza e via Bertozzi. A darne comunicazione è stato, nei giorni scorsi, il Comune di Gattatico. "L’idea – spiega l’Amministrazione – è partita da una proposta della vicesindaca, nonché assessore all’ambiente Federica Costi, che ha invitato alcune aziende del territorio a tradurle in un progetto".

A vincere sugli altri è stata, infine, la visione proposta dalla paesaggista Silvia Ghirelli, che "offre una interpretazione del giardino nel giardino – spiega sempre il Comune – con aree delimitate e dedicate all’esperienza sensoriale (vista, tatto, gusto, udito) attraverso essenze botaniche selezionate". Strutturalmente, è prevista un’area centrale che riprende la razionalità romana, come omaggio all’antica Tannetum. La stessa area sarà poi attorniata da alberi cosiddetti custodi (acero, cerro, frassino, tiglio, gingko, olmo).

"Il giardino – prosegue – sarà attraversato da percorsi lungo i quali si svilupperanno i temi sensoriali: la vista, con il calendario delle fioriture che si alterneranno per tutto l’anno, il percorso del tatto, costituito da piante con foglie che trasmettono sensazioni particolari (salvia, cineraria) e infine vi sarà il percorso del gusto, con le bacche a maturazione scalare (uva spina, ribes, mirtilli). L’udito sarà stimolato con l’impianto di alcune graminacee ed altre erbe ad alto fusto".

"Il progetto è già stato presentato in Commissione Urbanistica – spiega Federica Costi –. Avrà anche un valenza sociale, potendo essere usato per la stimolazione sensoriale. Il progetto si completerà con iniziative specifiche rese possibili dalle caratteristiche del giardino. Nella progettazione è stata tenuta in massima considerazione la facilità di manutenzione, con l’obiettivo di mantenere bassi i costi di gestione, per la realizzazione potremo contare sul contributo di importanti sponsor locali".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?